The Barbecuties – Go Down With Style

The Barbecuties – Go Down With Style

Una mezz'oretta scarsa di sano divertimento suonato come dio comanda

Fuori dalla finestra il cielo è azzurro, il mare calmo e pulito, sto per andare al lavoro ed il mio lavoro mi piace e nel mio stereo suonano i Barbecuties che metterebbero di buon umore pure un esodato, ma cosa voglio di più dalla vita che non sia un lucano?

Comunque non è della mia lietezza che vorrei parlarvi, ma di questo quinto album della band di Mannheim che, da come si muove disinvolta nel suo territorio prediletto, dimostra tutta la sua esperienza che però non va ad intaccare un’altra delle sue peculiarità: la freschezza.
Ah, dimenticavo, il territorio in cui si muove il gruppo è il punk-pop ramonesiano, genere che adoro.
Un’altra cosa che adoro sono i coretti che sottolineano i  ritornelli delle canzoni, e quelli di I want your love, you want my beer (titolo magnifico) e I wanna be into metalcore sono davvero contagiosi e coinvolgenti.
Ma non di soli coretti vive questo Go down with style, c’è pure un po’ di sana dolcezza (A lonely boy’s dream), un sentissimo omaggio ai Queers (Summer vacation), un pezzo esplosivo in francese (sperando che la tua amica somigli a Carla Bruni), Paris,France, un altro che mi ha ricordato quell’anthem che è stato per me “Annaliese Schimdt” dei connazionali Wizo (She’s from Cologne), per chiudere con una dichiarazione d’intenti coincisa quanto chiarissima (Social failure manifesto).
Insomma, quello che offre la band lo avrete certamente capito, una mezz’oretta scarsa di sano divertimento suonato come dio comanda; se i vostri standard sono improntati ad ascolti complicati ed intellettualmente pesanti questo disco non fa per voi, ma se, al contrario, avete un asciugamano sottobraccio e state andando al mare, i 13 pezzi di questo disco coadiuveranno certamente i vostri tuffi più ardimentosi.

Line-up:
1.Breaking me (and up with you)
2.I want your love, you want my beer
3.I wanna be into metalcore
4.A lonely boy’s dream
5.Wide awake with you
6.Summer vacation
7.Paris, France
8.She’s from Cologne
9.Kickstart my heart
10.Over you
11.Social Failure Manifesto
12.Coconut girl
13.Helluva… whatever

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

RIBBON STAGE – HIT WITH THE MOST

Avevamo già parlato, l’anno scorso, delle Ribbon Stage, terzetto newyorchese a trazione femminile (“Anni Hilator” al basso e voce e “Jolie M-A” alla chitarra e cori, coadiuvate da Mari Softie alla batteria) autore di un indie/noise pop che profuma deliziosamente di (altri) anni Ottanta, quelli di compilation come “C86”, e che avrebbe fatto la fortuna di etichette come la Sarah Records.

Tempo di vivere, tempo di morire di Erich Maria Remarque, edito da Mondadori

Tempo di vivere, tempo di morire di Erich Maria Remarque

Il soldato Graeber, protagonista di questo romanzo, per certi aspetti ricorda i protagonisti di Niente di nuovo sul fronte occidentale con i quali ha in comune la coscienza dell’orrore della guerra; vive la sua disperata avventura nella tragica desolazione delle pianure russe dov’è stato gettato a combattere, e tra le macerie della Germania nazista.

GIALLO #3 E BUDDIES #1

GIALLO #3 E BUDDIES #1

Qualche giorno fa arriva un pacco bel fornito  dalla Leviatan Labs. Conteneva il terzo capitolo di Giallo il primo capitolo di Buddies..