teatro degli orrori-a sangue freddo

Pubblicato il

Scritto da

( LA TEMPESTA 2009) : quasi per caso mi era capitato in mano l’esordio del Teatro degli Orrori, e ne ero rimasto molto colpito, poichèconiugavano due aspetti della musica indipendente che in Itlia non vanno molto d’accordo : il ritmo e i testi profondi. Con questo album c’è un ulteriore salto di qualità, e l’ambizioso progetto diventa completamente realtà. Questo è un disco non facile, ma non tanto per la musica, ma per quello che dice, perchè ci mette di fornte alla situazione attuale : una bella merda. Il disco è praticamente un omaggio alla figura di Ken Saro Wiwa, scrittore nigeriano impiccato nel 1995, poiché aveva avuto l’ardire di denunciare i malaffari della Shell. Gli stessi malaffari che conduce la nostra Agip ; il cane a sei zampe è presentissimo in Nigeria, ed espropria terre a tutto andare. La Nigeria è anche una delle nostre tante pattumiere, infatti vi sonostati scaricati molti rifiuti tossici. Poi i nigeriani vengono in Italia e devono o servirci, o vendersi ai bordi delle strade. Questo è la situazione.

E i Teatro ce la sbattono in faccia, sentite “Padre nostro”, dovrebbe essere messa nel programma di educazione musicale, si tocca con mano la meschinità di certi pensieri e di certi comportamenti, come possiamo vedddere tutti i giorni nelle italiche cronache. Come finalmente la cosiddetta maggioranza silenziosa ha aperto gli occhi sulla violenza delle forze dell’ordine, le stesse forze dell’ordine che poi non ricevono dallo Stato i fondi necessari per lavorare. In certi punti l’album mi ricorda il racconto “Momodou” dei Wu Ming : i Teatro hanno un’invadente patina di malinconia misata ad un conato di vomito, che impasta la propria visione del mondo aliena al supermercato. Troviamo anche una canzone cheè un capolavoro “La vita è breve”, che lascia intendere un omicidio per troppo amore, e allo stesso tempo comunica quel senso di inutilità che si trova quando si ama troppo la vita e non si può communicare tutto questo amore. O la devastante “Mai dire mai”, che dimostra la furia dei Teatro, che con il particolarissimo cantato di Pierpaolo hanno davvero una marcia in più. Sfuriate, per poi aprire improvvisamente alla melodia, comunque mai dimenticata. O come la finale suite di dieci minuti e rotti “Die zeit”, che potrebbe dare un’idea di cosa possono fare i Teatro. Episodi spiazzanti come la dolcissima “Io ti aspetto”, dove c’è agli archi Nicola Manzan, il responsabile del progetto Bologna Violenta, già recensito su queste pagine. In “Die zeit” c’è anche un affresco bellissimo dell’amore mnoderno, o della fine di un amore moderno, consumato nel più grande sport del nostro tempo : l’indifferenza, e il boh pneumatico. In “Direzioni diverse” i Teatro incontrano i Bloddy Beetroots, che ormai hanno conquistato la palma di miglior gruppo dance e non solo italiano, e ne viene fuori un bellissimo pezzo. Hanno impiegato un anno per fare un disco che in Italia non si è mai sentito, pervaso in intima profondità da un significato che solo le grandi opere hanno. Il tocco finale è di Mauro Pagani, che a differenza di tanti suoi coetanei che sparano cazzate dovute forse all’incombente alzheimer, ha un posto come le Officine Meccaniche, dalle quali escono ottime cose.
Ben, preparaevi a sporcarvi le mani con la merda che monta, i Teatro vi apriranno gli occhi.

www.ilteatrodegliorrori.com

La vera prigione ( K. Saro-Wiwa)

Non è il tetto che perde
Non sono nemmeno le zanzare che ronzano
Nella umida, misera cella.
Non è il rumore metallico della chiave
Mentre il secondino ti chiude dentro.
Non sono le meschine razioni
Insufficienti per uomo o bestia
Neanche il nulla del giorno
Che sprofonda nel vuoto della notte
Non è
Non è
Non è.
Sono le bugie che ti hanno martellato
Le orecchie per un’intera generazione
E’ il poliziotto che corre all’impazzata in un raptus omicida
Mentre esegue a sangue freddo ordini sanguinari
In cambio di un misero pasto al giorno.
Il magistrato che scrive sul suo libro
La punizione, lei lo sa, è ingiusta
La decrepitezza morale
L’inettitudine mentale
Che concede alla dittatura una falsa legittimazione
La vigliaccheria travestita da obbedienza
In agguato nelle nostre anime denigrate
È la paura di calzoni inumiditi
Non osiamo eliminare la nostra urina
E’ questo
E’ questo
E’ questo
Amico mio, è questo che trasforma il nostro mondo libero
In una cupa prigione.

No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.