Starfucker – Reptilians

Starfucker – Reptilians

Starfucker - Reptilians: Con un nome così, e con un album che rivela chi domina veramente la terra, ovvero i Rettiliani (http://it.wikipedia.org/...

Con un nome così, e con un album che rivela chi domina veramente la terra, ovvero i Rettiliani (http://it.wikipedia.org/wiki/Uomo_rettile), che musica potevano suonare gli Starfucker ? Metal ? Hip hop ? Power noise ? Idm ?
No. Gli Starfuckers fanno elettro pop, e lo fanno molto bene. Melodie accattivanti, tappeti di tastiere e musica un po’ stonata, ecco gli ingredienti.

Tutti i brani sono composti dal polistrumentista
Joshua Hodges, di base a Portland, che si circonda di validi musicisti per fare questo disco, il secondo della loro carriera, il primo su Polivynil. Tutte le canzoni funzionano, e si hanno picchi notevoli con pezzi come “ Mona Vegas “, o “ Death as a fetish “, con melodie davvero irresistibili, dove la tastiea la fa da padrona. Un disco che si farà sicurmente amare dagli amanti del ritornello, ma anche da chi vuole sentire buona musica senza tanti problemi. Un’ultima cosa, c’è anche un gruppo noise rock italiano che si chiama Starfucker, per cui se volete gli americani rivolgetevi al sito sottostante. E poi non dite che non lo sapevate.

http//starfuckermusic.tumblr.com

Pop Song by starfucker_usa

Starfucker - Reptilians 1 - fanzine

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

E’ morto Wilko Johnson

In questi ultimi sprazzi di 2022 siamo purtroppo costretti a registrare un’altra illustre dipartita nel mondo del rock ‘n’ roll. Ci ha lasciati infatti, il 21 novembre, anche Wilko Johnson, chitarrista, cantante e songwriter inglese noto per aver fondato la blues rock/r&b/pub rock band Dr.

Tre camerati di Erich Maria Remarque

Questo romanzo, pubblicato per la prima volta in Germania nel 1936, è scritto in prima persona dal punto di vista del personaggio principale, la cui visione disillusa sulla vita è dovuta alle terribili esperienze vissute nelle trincee sul fronte occidentale della Prima guerra mondiale; Tre camerati di Erich Maria Remarque, edito da Neri Pozza.