iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Silvano Pertone vs Pertone silvano

silvano pertone

Silvano Pertone vs Pertone silvano

Conosco Silvano dal 6 aprile del ’69 … oltre mezzo secolo … ad oggi abbiamo ancora una frequentazione quotidiana, e ci stimiamo reciprocamente.

Oggi ne approfitto per fare due chiacchiere sulla mail art nella sua casa di Varazze.

Entrando, non si può non rimanere colpiti dalle due librerie bianche che si stagliano su ambo i lati della stanza: l’una, piena di vinili, tapes, cd ed una quantità enorme di riviste musicali tutte riposte nel cellophane, l’altra dedicata ai fumetti nella parte superiore, una distesa difforme di colori e formati, mentre nella parte inferiore fa bella mostra il suo archivio della mail art, composto da cataloghi, oggetti dalle forme insolite e documentazioni varie.


HAI DATO VITA E PARTECIPATO A MOLTISSIMI LAVORI, PUOI SPIEGARCI COME SI SVILUPPA UN PROGETTO?

Il mail artista propone un tema, un soggetto al quale è particolarmente interessato, quindi pone una deadline per l’invio dei lavori, definisce il formato dei lavori e la tecnica, che generalmente è libera, poi non resta altro che aspettare i sorprendenti contributi dei mail artisti sparsi per il mondo.


DA NEOFITA, DOVE TROVO I VARI PROGETTI IN CORSO? COME FACCIO A CONTATTARE GLI ALTRI MAIL ARTISTI?

Oggi è semplicissimo, basta entrare in rete e digitare le parole “mail art”, si troveranno molti siti con i progetti in corso.
Personalmente, attingo sempre dal sito dell’amico turco Kemal Ozyurt kozymail.blogspo.com, oppure al mailart.pt del collettivo portoghese YZONK, entrambi molto attivi e puntuali nel riportare le calls.

Mentre una volta, senza internet disponibile, era tutto un fotocopiare i vari “flyers” che trovavi nelle buste postali, con il rischio che, nel frattempo, la scadenza per l’invio dei lavori fosse già passata!

Poi c’era la documentazione del progetto,
composta dalla lista dei partecipanti, i loro contatti, ed alcuni dei lavori più interessanti.

Generalmente il catalogo non era altro che una selezione di pochi fogli fotocopiati (spesso anche malamente), in alcuni casi erano a colori.

In Francia, dove esisteva una grande tradizione di mail artisti, sovente erano le Poste stesse ad indire progetti, con documentazione di alto livello, raccolte di opere davvero bellissime.


QUAL È STATO IL TUO PROGETTO PERSONALE CHE HA COINVOLTO PIÙ PERSONE?

Il principale è stato quello sul centenario di Cesare Pavese, in collaborazione con il centro studi di Santo Stefano Belbo e l’amico Pierpaolo Pracca.
Il progetto ebbe un riconoscimento pazzesco, con articoli sui giornali (persino sul Sole 24 ore), servizi sulle reti nazionali e mostre a Torino, Milano, Roma e anche all’estero, a Tel Aviv, Buenos Aires e L’Avana.
Il tutto si concretizzò grazie ad uno stupendo saggio di Pierpaolo Pracca e le opere ricevute a supporto, un’esperienza stupenda!

Molti lavori poi, mi sono arrivati per il progetto su Genova ed i suoi figli celebri.
Mi ha fatto piacere vedere come anche all’estero la città fosse molto conosciuta ed apprezzata.

Un altro progetto che mi ha dato molta soddisfazione è stato quello sui comics.
Lavori molto interessanti e di alta qualità, peccato che non ha partecipato nessun nome di prestigio, avevo contattato diversi disegnatori, ma forse non conoscevano la mail art.
Al termine del progetto feci anche un contest con fumetti anni ’70 in palio per chi rispondesse correttamente, fu molto divertente.


IL PROGETTO A CUI HAI PARTECIPATO CON MAGGIOR ENTUSIASMO?

Parecchi! Quando partecipo è perché il tema mi interessa veramente, non lo faccio solo per apparire nella lista dei partecipanti.

Ricordo KLANG! di Vittore Baroni, con tanto di live performance di molti mail artisti – me incluso – nella bellissima location di villa Paolina a Viareggio.
Poi un progetto francese sulla Cina ed uno sui postini, indetto dalle Poste.
Poi molti su Ray Johnson, uno sul grande Bruno Munari, la Monnalisa …


NELLA MAIL ART, ESISITONO DIVERSE TECNICHE PER CREARE I PROPRI LAVORI.

TU COSA UTILIZZI PRINCIPALMENTE?

Occasionalmente ho utilizzato timbri e per un lungo periodo gli stencil, pero’ il collage è quello che mi ha coinvolto maggiormente, utilizzando spesso elementi che mi circondano senza precludermi nulla, mi piace molto inserire oggetti di varia natura nei lavori.
Una costante, è rappresentata dalle mie grandi passioni, quindi utilizzo spesso il materiale dei fumetti o molti riferimenti al mondo della musica.


C’È QUALCHE MAIL ARTISTA CHE APPREZZI MOLTO E CHE TI HA MAGGIORMENTE INFLUENZATO?

Mi piace molto il lavoro di Vittore Baroni e grazie ai suoi libri ho scoperto diversi artisti, in primis il tedesco J.B. Olbrich.
La foto di lui che cammina sulla fotocopiatrice, mi ha fatto capire che le possibilità erano infinite, davvero mi ha aperto la mente, e poi è stato un’incessante flu(x)so pazzesco.
In generale, ogni mail artista ha qualcosa di unico, certo poi vi sono vere colonne portanti come Anna Banana, Ed Varney, Clemente Padin, Ruggero Maggi … la lista è infinita.
Spesso mi sono imbattuto involontariamente in azioni che successivamente ho scoperto essere state di grandissimi nomi come la autostoricizzazione di Cavellini o il colorare bolli come Yves Klein, così mi sono documentato sulle loro performances, migliorando le varie tecniche che usavo e traendone esperienze molto formative.


HAI SPERIMENTATO ALTRE ATTIVITÀ CORRELATE ALLA MAIL ART?

Si’, mi sono interessato alla creazione di timbri, ma con risultati non troppo entusiasmanti.
Successivamente ho sperimentato i bolli d’artista … con risultati analoghi.
Sono state esperienze comunque interessanti, che in futuro potrei anche approfondire maggiormente.


PRENDE SEMPRE PIÙ CAMPO LA DIGITAL ART, COME TI PONI VERSO QUESTA NUOVA FORMA DI COMUNICAZIONE?

È certamente una forma nuova ed interessante, anche se è quasi totalmente contro il “credo” della mail art, in quanto viene proprio a mancare l’atto fondamentale, quello della spedizione … però questa possibilità potrebbe benissimo rappresentare la naturale evoluzione dell’arte postale.


SO CHE HAI UN NUOVO PROGETTO IN CORSO, VUOI PARLARCENE?

Il nuovo progetto si chiama “What art are you?”, volevo vedere da quale corrente artistica i mail artisti erano maggiormente ispirati tanto da identificarsi in essa.

Attualmente sono circa una ottantina gli invii pervenuti, con una netta prevalenza di indirizzo DADA.
La deadline è a fine anno, quindi visto che c’è ancora molto tempo … aspetto i vostri lavori!


COSA TI SENTIRESTI DI CONSIGLIARE A CHI VUOLE AVVICINARSI ALLA MAIL ART?

Il mio consiglio è di guardare al progetto da un’altra prospettiva, non fermarsi semplicemente alla prima impressione o idea; pensare che esso sia come un dado dalle molteplici facce, quindi arrivare a scoprirle tutte, ottenendo cosi’ soluzioni alternative.
Dopo oltre vent’anni, ogni giorno guardo nella cassetta della posta, sperando che ci sia qualcosa; un nuovo contatto, un altro progetto a cui appassionarsi.
È una sensazione che si rinnova continuamente, una sensazione bellissima, una sensazione ETERNA!

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

E’ morto James Chance

Un’altra terribile notizia va a segnare questo 2024, già funestato da devastanti perdite per la comunità mondiale del rock ‘n’ roll. Nella giornata del 18 giugno, infatti, ci ha lasciati, a 71 anni, anche James Chance, sassofonista, tastierista e cantante statunitense, universalmente noto per essere

Abyssal – Glacial

Con Glacial gli Abyssal alzano ulteriormente l’asticella qualitativa perché in questa traccia unica di oltre quaranta minuti dal doloroso incedere si compie l’ideale connubio tra la scarnificazione del sound e il più canonico e pesante susseguirsi dei riff.