Quasi – Hope You’re Fine Blondie

Quasi – Hope You’re Fine Blondie

Ma allora l’indie di qualitĂ , cattivo, sincero e malinconico non è morto ? No, e gli Hope Are You Fine Blondie sono qui a dimostrarcelo.

Quasi è un disco pieno, realisticamente triste, ma di una bellezza dolcemente dura. Il trio trevigiano è al terzo lavoro e produce un disco molto bello, da scoprire stanza per stanza, con un livello qualitativo molto elevato. Di Quasi non si può dire molto, perchĂ© è un disco da ascoltare, gustare finchĂ© si può perchĂ© racconta e fa provare sensazioni. LA formula sonora è variegata seppur minimale, non ci sono fuochi d’artificio ma tanta concretezza, sintomo di un’intelligenza musicale molto viva.

I rimandi sonori sono quelli del meglio noise gringe rock alterato e nervoso, genere indefinito di cui in Italia siamo bravi assai, ma che a volte ci dimentichiamo di come si fa, e passano anni prima che rifacciamo un disco. Attivi dal 2012 gli Hope Are You Fine Blondie nascono come duo, fondato da Paolo Forte e Luca Ramon, ed in seguito arriva il basso di Nicola Gubernale a dare maggiore profondità. Due dischi e tanti live, rimanendo ben fedeli alla base di partenza trevigiana, e proprio Treviso è una città musicalmente fertile, dove i tanti gruppi e realtà individuale si sono radunati sotto la sigla Sisma come un vero e proprio collettivo. Torniamo alla musica.

Quest’ultima si sposa benissimo con testi che sono molto calzanti, belli e che scivolano come manate sulla nuca, attraverso dolcezza, odore di sesso e puzza di speranza. Dischi come Quasi sono talmente belli che non cambiano la vita, ma aumentano al distanza fra noi e l’abisso ritardando la caduta. Tutto l’album è notevole, ma ci sono momenti di vero e proprio satori. Non li conoscevo, e devo dire che se non avessi ascoltato Quasi mi sarei davvero perso qualcosa.

Il disco ha un tiro che è davvero raro per l’ Italia, essendo un’epifania che ti esplode dentro. La produzione è di Davide Dall’Acqua e il labor limae è di Tommaso Mantelli, ed entrambi hanno fatto un lavoro egregio. E sì diciamolo, l’indie italiano ( aborro ) non sentiva da tempo un disco così.

TRACKLIST
1.Irene
2.3Quasi
3.Agave
4.La Tua Collera
5.Il Verme
6.I Matti Non Invecchiano
7.Non Chiedo Scusa Mai a
8.Nessuno
9.Cara Mia Lei
10.Grand Guignol
11.Nel Grembo

LINE-UP
Paolo Forte – Guitars, Voice.
Luca Ramon – Drums, Voice.
Nicola Gubernale – Bass, Voice.

URL Facebook
http://www.facebook.com/HOPEYOUREFINEBLONDIE

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Still No One -This is fuel

Still No One -This is fuel: esordio discografico sulla lunga distanza per i trevigiani Still No One dal titolo “ This is fuel”, autoprodotto.

Casual Boots – Casual Boots

Casual Boots: a comporre questo ep fresco di uscita ci pensano quattro pezzi: l’agrodolce Flowers and Raindrops, la smithsiana Lost Things, la fiammata punk di Attitude (il mio brano preferito del lotto) e gli echi degli Housemartins  contenuti in Empty Room.

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilitĂ , castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati