iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Pula+ – Featuring Pula

Pula+ è bravissimo con la lingua italiana, la smuove come farebbe la terra con l’aratro, dalla sua lingua nascono cose e fa molto piacere starle a sentire.

Pula+ – Featuring Pula

Torna Pula+ uno dei rapper più atipici del panorama italiano.

Il suo curriculum vitae è notevole. Comincia dieci anni fa nel 2007, ed esordisce con l’album Mia Fobia e poi due mixtape di seguito. La sua carriera prende il volo nel 2010, quando partecipa a Mtv Storytellers, e arriva a farsi produrre il suo disco da Fabri Fibra, che non è proprio l’ultimo degli scemi, e così esce +Pulaxtutti che ha un buon successo di critica e di pubblico. Nel 2011 si accasa con l’Universal ed esce Di Niente e Di nessuno. Dopo uno breve iato firma con la Giadamesi di Dargen D’Amico. Nel 2017 fa uscire questo Featuring Pula che è autoprodotto.

Cosa è successo ?

E’ successo che Pula+ ha deciso di prendere la propria strada e di controllare le sue opere in tutto e per tutto. E nelle troppo annose questioni del rap nostrano, per dirla con la immensa Paola Zukar, non conta essere mainstream o underground, conta la qualità. Troppe volte se ne è fatta una questione di etichette, senza guardare al prodotto, all’opera. Pula+ fa un disco bellissimo, peculiare e molto personale, che è rap come codice ma va ben oltre, perché il rap non deve essere uno piccolo steccato dove i polli si agitano erotici ed impazziti come diceva Celine. La proposta di Pula+ è al sincerita frammista ad una forte qualità, dove le canzoni sono una prova, un cimento per migliorare se stessi e gli altri, almeno creare un confronto o anche in conflitto va bene tutto basta che ci sia vita.

Pula+ racconta e lo fa con musica di qualità, con molto impegno e in maniera peculiare. Lui è andato in alto nel mainstream cosa difficile ma non impossibile, ma Pula+è riuscito nella cosa più difficile, ovvero migliorare la qualità della propria scrittura e della propria musica solo con i suoi mezzi. Ascoltando Featuring Pula si ha il piacere di sentire storie, sensazioni ed emozioni attraverso il codice del rap, che è proprio questo un racconto altro, un cercare di leggere la realtà in un’altra maniera. O forse l’importante è che si muova qualcosa, che il sangue scorra ascoltando qualcosa che ha finalmente un senso, un peso, una bellezza specifica, sopra alla plastica che ci buttano sopra quotidianamente. Pula+ è bravissimo con la lingua italiana, la smuove come farebbe la terra con l’aratro, dalla sua lingua nascono cose e fa molto piacere starle a sentire. Proprio questo abbiamo perso, vinti dai giudizi dei nostri pregiudizi e dalla necessità di essere fedeli ad una parrocchia.

Ascoltiamo e viviamo la musica che ci piace, siamo noi a dare il valore a ciò che ci piace, e non state a sentire nessuno sui vostri gusti, ascoltate solo Pula+ e poi decidete. Ottimi gli ospiti dal magnifico Buzzy Lao, a Ezra che possiede un pezzo del mio cuore e di quello di tanti ragazzi che hanno amato i Casino Royale.

Che dire, è un disco bellissimo e molto interessante, che ti parla dentro, e Pula+ è un ragazzo che è passato da farsi produrre da Fabri Fibra a suonare la chitarra in tutti i suoi pezzi, e fa un rap particolarissimo e di qualità.

…so piangere e sorridere ma non so essere sereno…

 

TRACKLIST
01 Cerchio di fuoco
02 Essere se stessi non ha senso
03 Giustizia e perdono
04 Il freestyle del freelance
05 Capello bianco
06 Diego
07 Pezzi di me
08 Il cattivo
09 Come te
10 Addio a modo mio
11 Alibi

URL Facebook
http://www.facebook.com/pulaofficial

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Intervista Michele Borgogni

Abbiamo avuto la fortuna di fare due chiacchiere con Michele Borgogni, scrittore aretino di weird, fantascienza, ma soprattutto cantore di storie belle, interessanti e che nascono spesso dal nostro quotidiano, che è già molto weird di suo.