Polyfrenetics – Ep – Argonauta Records – 2021

Polyfrenetics

Polyfrenetics – Ep – Argonauta Records – 2021

Ep di debutto per questa assai strana bestia norvegese che tiene una lezione accademica sui legami fra punk, prog altro e qualcosa di più pesante dei suddetti.

Il loro suono è una cascata di piacere per chi ha sempre pascolato nella musica pesante in maniera nomade, transumando da un campo all’altro. Questi norvegesi hanno una maniera di comporre veramente notevole, e si potrebbe parlare di punk prog, se parlare di generi fosse una cosa sensata.

La cosa più sensata è quella di ascoltare con avidità queste quattro tracce del loro debutto per l’italiana Argonauta Records e tuffarsi in un suono tremendamente originale, dove ad un intro punk segue una quasi sinfonia hard prog per terminare in cori che si incrociano, con tutti gli strumenti che si incrociano perfettamente, per poi riprendere con giri di chitarra spessi e ritmiche gigantesche.

Come nelle opere di Escher ognungo ci vedrà quello che vuole e che gli dice il suo cervello, ma ciò può accadere solo quando c’è tanto da gustare e l’opera è di alto livello. Finalmente qualcosa di totalmente inaspettato e totalmente nuovo, molto nuovo ed avanti.

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Märvel – Double Decade

Grandissimo ritorno degli svedesi Märvel uno di gruppi di hard rock scandinavi più longevi ed apprezzati, e il perché del loro successo è racchiuso in questa doppia raccolta celebrativa.

Tigre - Contro Tigre

Tigre – Contro Tigre

Ad aggiungersi alla prestigiosa lista dei portabandiera di un qualcosa che è molto di più di un genere musicale ci pensano i Tigre che, con i quattro pezzi di questo mini, segnano il loro primo rumoroso vagito.

Eyeless In Gaza – Photographs as memories

Ristampa della meritoria Spittle Records del primo disco del 1981 degli inglesi Eyeless in Gaza, nome tratto da una novella di Aldous Huxley, uno dei gruppi culto degli anni ottanta e non solo. Questa ristampa rende giustizia ad un disco troppo spesso sottovalutato e relegato negli episodi minori del grande gruppo britannico.