iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Oblivion – Called To Rise

Gli Oblivion sono una delle circa 30 band che in ambito metal hanno adottato questo monicker (fonte “Encyclopaedia Metallum”); fortunatamente i nostri hanno scelto come elemento distintivo quello più importante e meno scontato: la qualità della propria musica.

Oblivion – Called To Rise

La band proveniente dalla Bay Area con Called To Rise irrompe sulla scena mostrando la forza di chi è consapevole del proprio potenziale, potendo mettere sul piatto una line-up di prim’ordine, fatta di musicisti esperti guidati dal vocalist e compositore Nick Vasallo.
Il death degli Oblivion attinge a svariate influenze, dal thrash, che è inevitabilmente radicato nel DNA di chi proviene da quella zona degli States, al versante più tecnico e brutale del genere (Death, Origin, Suffocation, Immolation) per arrvare alle reminiscenze classiche, facenti parte del background musicale di Nick, che trovano il loro sfogo naturale nelle versioni orchestrali di Black Veils of Justice e Multiverse, inserite come bonus-track.
Proprio Multiverse, nella sua versione originale, si rivela il manifesto musicale degli Oblivion: un crescendo inarrestabile nel quale strumenti e voce si amalgamano alla perfezione producendo come risultato uno dei brani migliori che abbia ascoltato in quest’ambito negli ultimi tempi.
Ma è tutto Called To Rise, nel suo insieme, a costituire un esempio di come si possa comporre e suonare un death tecnico senza farsi fuorviare dal virtuosismo fine a se stesso; brutale, intenso, dai suoni impeccabili ma con un nero cuore pulsante sempre in bella evidenza.
Ottimo disco, vivamente consigliato a chi apprezza questo tipo di sonorità.

Tracklist :
1. Oblivion part 1: The Chant of Tyrants
2. Black Veils of Justice
3. Between Suns of Light
4. Binary Souls
5. Reclamation
6. Canon 1 in E minor
7. Annunaki
8. Reigns in Fire
9. Cancer of Wraiths
10. Multiverse
11. Oblivion part 2: Infinite Descent
12. Black Veils of Justice (Instrumental Version)
13. Shred I. Multiverse (String Orchestra)
14. Shred II. Long Deaf hate (String Orchestra)

Line-up :
Ted O’Neill – Guitars
Nick Vasallo – Vocals
Beniko Orum – Bass
Luis Martinez – Drums
Victor Dods – Guitars

OBLIVION – pagina Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Orphean Passage – Apart

La bravura degli Orphean Passage risiede nel fare propria la lezione di chi ha codificato a suo tempo il death doom melodico per poi assemblarne i diversi stili, regalando un album come Apart struggente, melodico e, allo stesso tempo, fresco come si conviene a una band al primo passo discografico

Blazing Eternity – A Certain End of Everything

Un eccellente album come A Certain End of Everything può sorprendere solo chi non conosce i Blazing Eternity a causa del loro lungo silenzio discografico, perché sulle doti intrinseche di questa band non ci sono mai stati soverchi dubbi.

Forever Falling – The Determinism of Essence in Matter

The Determinism of Essence in Matter, nonostante i riferimenti filosofici del titolo siano suggestivi di una certa profondità concettuale, è un lavoro che penetra con un certo agio le difese dell’ascoltatore grazie a un approccio sincero, fluido e privo di artifici al funeral death doom da parte dei Forever Falling.