Nient’altro Che Macerie – Al Vento

Nient’altro Che Macerie – Al Vento

In Silenzio apre il lavoro su melodie solari (vengono subito in mente i Do Nascimiento) e testi amari, avvolgendo con le sue chitarre allo stesso tempo energiche e morbide, mentre Il Senso Della Fine, più ruvida e diretta (nonostante le brevi divagazioni strumentali), lascia spazio al delicato ondeggiare (al sapor di Massimo Volume/Offlaga Disco Pax) di Evitabili Prospettive.
Reazione Al Nulla (EMESI), veloce e mai scomposta, cavalca la malinconia fino alle note de Le Parole Tra I Denti, alle sue improvvise perturbazioni sonore e al coinvolgente crescere della conclusiva Quello Che Vorrei Davvero Dirti.

Il secondo capitolo dei Nient’Altro Che Macerie è un buon lavoro, c’è poco da dire: tutto è al posto giusto al momento giusto. A lasciare dubbiosi è un’altra cosa (lo dico in questa recensione ma vale per tutti i gruppi emo/simil-emo usciti negli ultimi 18/24 mesi): il disagio raccontato in questi pezzi è vero o si parla di disagio solo perchè il “genere musicale” lo prevede? E ancora, fare emo è diventato semplicemente una moda da cavalcare o c’è ancora chi punta al contenuto?

Tracklist:
01. In Silenzio
02. Il Senso Della Fine
03. Evitabili Prospettive
04. Reazione Al Nulla (EMESI)
05. Le Parole Tra I Denti
06. Quello Che Vorrei Davvero Dirti

Line-up:
Simone Battistoni
Andrea Scardeoni
Matteo Salvatori

NIENT’ALTRO CHE MACERIE – pagina Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati

Tropical Fuck Storm - Submersive Behaviour_cover

Tropical Fuck Storm – Submersive Behaviour

È qui e richiede attenzione, perché i Tropical Fuck Storm hanno dimostrato più volte di saper far bene, di saper maneggiare il rock (alternativo, indie, noise, quello che volete) meglio di tanti altri – ma direi di quasi tutti.

Luca Ottonelli

Luca Ottonelli. E’ nato a Genova nel 1969 e ho completato i primi studi artistici avendo come maestro di Figura G. Fasce.