Motel Transylvania – They Dig After Midnight

Motel Transylvania – They Dig After Midnight

I Motel Transylvania fanno horrorbilly. Ma cos’è l’horrorbilly? L’horrorbilly è fare rock’n’roll vestiti da scemi! Questa definizione, solo apparentemente denigratoria, non è di chi scrive ma bensì di Stefano che della band è batterista e cantante. E in fondo chi sono io per poter discutere questa (auto) ironica esplicazione? E poi è proprio da questa frase che si possono dedurre lo spirito e l’attitudine che caratterizzano questo combo, vale a dire la voglia di divertire, divertirsi e fare un po’ di sano trambusto. Ma andiamo ad ascoltare che cosa hanno da dire questi tre giovani virgulti: si parte con una intro horror (quante c***o di volte l’ho usata questa parola da quando ho cominciato a scrivere questa recensione?) che non può mancare nel repertorio di un gruppo come questo. Seguono Motel Transylvania nella quale sembra di ascoltare, vista l’abbondanza di cori anthemici, gli Agnostic Front alle prese con il rockabilly; Summer In The Grave potenziale hit per una gioventù sbandata ed alla (disperata) ricerca di se stessa; e The Night Of The Living Dead che sintetizza in essa la formula dello psychobilly, vale a dire punk+rock’n’roll. Ma il meglio sta in coda con I Wanna Be Your Ghoul, un brano che, forte di un’ottima apertura morriconiana, va via via accelerando proponendosi come una full immersion in una psiche umana che si avvia verso un’inevitabile deriva; cinque minuti di musica intensissima. Se si servisse un’ulteriore motivazione per accostarvi a questa band sappiate che al loro nome è legata un’organizzazione denominata Archetype Records che si propone di aiutare altri gruppi a registrare le loro cose nonché a promuovere concerti ed altri eventi e, considerando che opera in una ghost town come Savona, si tratta d un attestato di ulteriore stima. Fate vostro questo disco e andate a vedere i Motel Transylvania dal vivo, ne vale davvero la pena!

TRACKLIST
1) Intro
2) Go Psycho!
3) Motel Transylvania
4) The Room
5) Summer In The Grave
6) The Night Of The Living Dead
7) It’s Not So Bad
8) I Wanna Be Your Ghoul

LINE-UP
Toxi Ghoul – Stand-up drums & Vocals,
Taison the Dark Gentlemen – Guitars & Backup Vocals,
Fish the Scarecrow – Double bass & Backup Vocals

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati

Tropical Fuck Storm - Submersive Behaviour_cover

Tropical Fuck Storm – Submersive Behaviour

È qui e richiede attenzione, perché i Tropical Fuck Storm hanno dimostrato più volte di saper far bene, di saper maneggiare il rock (alternativo, indie, noise, quello che volete) meglio di tanti altri – ma direi di quasi tutti.

Luca Ottonelli

Luca Ottonelli. E’ nato a Genova nel 1969 e ho completato i primi studi artistici avendo come maestro di Figura G. Fasce.