iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Million Dead – A Song To Ruin

Million Dead - A Song To Ruin: nel 2001 Cameron Dean e Julia Ruzicka, rispettivamente chitarrista e bassista, arrivano a Bedford (uk), dalla lontana Au...

Million Dead – A Song To Ruin

nel 2001 Cameron Dean e Julia Ruzicka, rispettivamente chitarrista e bassista, arrivano a Bedford (uk), dalla lontana Australia, arruolano altri due loro amici e fondano il gruppo. Il nome lo prendono da una canzone dei Refused ( e già per me sono punti a favore), e già nel 2002 suonano con nomi eccellenti, uno su tutti il mio amato Alec Empire.Nel febbraio 2003 esce il primo singolo “smiling at strangers on trains”, brano melodico che attira su di loro l’attenzione dei media. Sempre nel 2003 esce l’album “a song to ruin”, che contiene il singolo “breaking the back”, definito come uno dei migliori singoli inglesi della passta stagione alternative. Il loro suono è bello compatto, melodico, sempre in bilico tra indie e mainstream. Ne sentiremo parlare ancora, anche se io me li aspettavo un po’ più potenti, ma ahimè, sono proprio difficile io di gusti. Comunque da sentire.

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Blocco Nero – Cronache

A distanza di dieci anni dall’ultima apparizione discografica torna il Blocco Nero, una delle più interessanti avventure musicali degli ultimi anni. Il Blocco Nero tornano con “ Cronache” un disco che racchiude 8 canzoni che sono otto date importanti per la storia italiana e non

Morta Skuld – Creation undone

Morta Skuld: un disco che pareggia e forse supera le uscite migliori della loro gloriosa carriera, death metal senza compromessi alla carica sempre.