Michael Swanwick – Gli Dei Di Mosca

Un romanzo davvero godibile e gustoso, dove cialtronesco e grande fantascienza si incontrano e brindano avidamente.

Michael Swanwick – Gli Dei Di Mosca

Vaporteppa, che dovreste già conoscere sennò siete dei papisti, qui prova la sua scommessa più grande, pubblicando Michael Swanwick, un grande autore di fantascienza ingiustamente misconosciuto ai più e, purtroppo, poco tradotto in Italia se non grazie ad Urania, che nella sua carriera ha spaziato fra molti stili, e ha vinto nel 1991 il premio Nebula per “Domani il Mondo Cambierà”.

Swanwick ha scritto molte cose e di molti generi, dalla fantascienza tout court, allo steampunk, al fantasy, segnalandosi sempre per uno stile corposo e di ottima fattura.
Questo romanzo del 2011 Dancing With Bears è il libro più scanzonato che abbia scritto, e si avvicina allo spirito pugnace e lestofante a cui ci ha abituato la splendida Vaporteppa, oltre ad essere anche il primo libro dell’ardita avventura che Vaporteppa ha intrapreso.
La storia narra di due truffatori, Darger e Surplus, che tra mille azioni vergognose e truffando tutto e tutti, arrivano in una Mosca post-apocalisse, dove comanda il Duca di Moscovia che tiranneggia su ciò che rimane della Madre Russia.
Dall’Impero Ottomano parte una carovana che dovrebbe portare in dono al Duca delle bellissime fanciulle nate per donare piacere, le Perle, create per questo apposito scopo.
Tutto ciò in una terra infestata di macchine ribelli che hanno messo a ferro e fuoco Mosca.
Swanwick qui è maggiormente leggero rispetto alle altre sue opere, ma riesce a fondere mirabilmente post-apocalittico e steampunk, buttando letteralmente sulle pagine figure davvero notevoli come Darger e Surplus.
Darger è un tipo anonimo, mentre Surplus è un cane antropomorfo. Ma tranquilli, non vi è nulla di strano, anche perché a fare da guardia al convoglio vi sono degli uomini di Neanderthal.
Darger e Surplus sono in particolare dei gran figli di puttana, che truffano tutto ciò che si muove e che respira, ma riescono a cadere sempre in piedi, soprattutto nelle situazioni più grandi di loro, come questa che viene narrata.
Un romanzo davvero godibile e gustoso, dove cialtronesco e grande fantascienza si incontrano e brindano avidamente.
Non poteva essere più azzeccato come inizio, questo libro da parte di Vaporteppa, che si conferma è davvero un’avventura da seguire.
Inoltre, per il mese di settembre, l’elettrolibro sarà in offerta su Ultima Books ed Amazon a 1,99.
Ma che volete di più ? Un “canuomo”?

Pagine 359

1,99 euro elettrolibro ( solo per settembre 2014 )

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

“Riflessioni sulla pena di morte” di Albert Camus, edito da SE

Riflessioni sulla pena di morte di Albert Camus

“Réflexions sur la guillotine” è un saggio del ’57 di Camus che appare prima sulla “Nouvelle Revue Francaise” e poi nel libro “Réflexions sur la peine capitale”

Alexander Gonzalez Delgado

Gonzalez Delgado (o più semplicemente Sasha), nonostante l’avversione di Zuckerberg per il corpo nudo e i capezzoli femminili in primis.

The Rellies - Monkey / Helicopter 7"

The Rellies – Monkey / Helicopter 7″

The Rellies : adoro questo gruppo di fanciulli, suonano semplice e sghembo come piace a me e, a quanto pare, non sono l’unico giacché questo singolo viene licenziato da un’etichetta stravirtuosa come la Damaged Gods.