iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Melvin Sparks – Live At Nectar’s

Un ottimo documento di un grande della musica, che fino all’ultimo ha snocciolato musica, note ed insegnamenti per un ottimo jazz blues.

Melvin Sparks – Live At Nectar’s

Bellissima e potentissima ultima registrazione dal vivo di uno fra i migliori chitarristi jazz blues della storia, Mister Melvin Sparks.

Texano di nascita, Melvin fin dall’età di venti anni suonò per veri e propri mostri come Jackie Wilson, Marvin Gaye e Curtis Mayfield come membro del backing group The Upsetter. Sparks lasciò il suo posto negli Upsetter quando fu chiamato da George Benson a New York, che lo fece entrare nella storia del jazz.

Da quel momento Melvin diventò leggendario suonando con Lou Donaldson, Leon Spencer, Bernard Purdie, Jack McDuff, Jimmy McGriff, Idris Muhammad, Dr. Lonnie Smith, Charles Earland, Grover Washington Jr., e Reuben Wilson fa gli altri. Tanto per misurare la sua influenza anche sulle giovani leve andate sullo splendido sito Who Sampled e vedrete che più di 150 samples sono stati presi dalle sue canzoni. Un pezzo di storia del jazz blues, che ci ha lasciato nel 2011, ma prima è riuscito a registrare questa grande testimonianza del suo smisurato talento, rimasto intatto anche in età avanzata.

Questo concerto è speciale, non tanto per la location, ovvero il Nectar’s di Burlington dove Melvin era solito esibirsi, ma per la presenza al suo fianco dei suoi abituali collaboratori, all’organo Beau Sasser e alla batteria Bill Carbone, e l’inusuale per Melvin ma ottima sezione dei fiati composta dai Grippo Horns.

Il concerto è un piacere per le orecchie, Melvin Sparks è in grandissima forma e straborda con la sua chitarra che diventa mastodontica o leggiadra a seconda delle occasioni. Il tocco è divino, si vola ascoltandolo e si ha l’esatta percezione di quanta musicalità abbia avuto dentro di sé questo uomo, figlio di molti tempi e di una concezione della musica fatta di uomini e composizioni ora forse irripetibili. Un ottimo documento di un grande della musica, che fino all’ultimo ha snocciolato musica, note ed insegnamenti per un ottimo jazz blues.

TRACKLIST
Side A
1. Miss Riverside 8:43
2. Ain’t No Woman (Like The One I Got) 5:28
3. Fire Eater 8:12

Side B
1. Cranberry Sunshine 7:01
2. Breezin’ 8:59
3. Whip! Whop! 6:29

LINE-UP
Melvin Sparks – guitar
Beau Sasser – organ
Bill Carbone – drums
Dave Grippo – alto sax
Brian McCarthy – tenor sax

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Intervista Tarantola

Intervista con Mauro Locandia fondatore dei Tarantola, reggae in combination Londra e Salento, con il singolo “Original terron” scirtto e prodotto a quattro mani con Sabaman.

Tiziano Popoli – Selinute

Lavoro notevole, un blues enorme e totale, un viaggio su asfalto, sangue e polvere. Trasposizione sonora della performance video, musicale e in danza firmata da Tiziano Popoli per la musica e per il resto dal pittore e disegnatore fetish Roberto Baldazzini andata in scena nell’ottobre