iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Loud Squirt – Déjà Vu Revue Blues Ep

Loud Squirt - Déjà Vu Revue Blues Ep: Questo 7" contiene quattro pezzi del solito trito e ritrito rock'n'roll suonato in modo approssimativo, registrato in mo...

Loud Squirt – Déjà Vu Revue Blues Ep

Questo 7″ contiene quattro pezzi del solito trito e ritrito rock’n’roll suonato in modo approssimativo, registrato in modo pessimo e a tasso di novità pericolosamente vicino allo zero ed è proprio per questi motivi che è quanto di meglio si possa ascoltare in questo vecchio e stanco pianeta chiamato terra.

I Loud Squirt sono un terzetto che suona un punk-blues tozzissimo in salsa ultra lo-fi e lo fa con un’attitudine ed una energia assolutamente invidiabili,i nostri hanno indubbiamente gli Oblivians nel cuore e dai loro visi si evince che vivono per il rock”n’roll ogni singolo minuto della loro esistenza.
Ma facciamo seguito a tanti elogi con un’esauriente illustrazione di quanto i nostri hanno da proporre: il lato A si compone di due brani, Dèjà vu revue blues, un ottimo bluesaccio ad alta energia e a bassa fedeltà nel quale si potrebbe persino riscontrare una lontano eco di melodia, forse nel ritornello, e Tappin’on my shoulder, scheggia adrenalinica furiosa e brevissima.
Due brani anche sul lato B: Little jackpot girl, pezzo in un certo qual modo più elaborato quanto straniante, e Willy-nilly breakdown il pezzo più punk del lotto che, se non fosse registrato in rigoroso lo-fi, potrebbe persino dirsi orecchiabile.
In poche ma chiare parole pochi minuti di grande musica per i soliti quattro gatti … quattro ma cazzutissimi!

 

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

The Brightest Room

The Brightest Room – Omonimo

Nel caso dei Brightest Room, dei quali ho avuto la fortuna di seguire la crescita artistica, si può, con cognizione di causa, parlare di questo nuovo lavoro come quello della completa maturità.