Los Streaks – Reaccion Sicotica 1967-2022, Munster Records

Los Streaks - Reaccion Sicotica 1967-2022, Munster Records

Los Streaks – Reaccion Sicotica 1967-2022, Munster Records

Riedizione in riduzione, da formato 12” a 7”, di quello che fu il capolavoro, datato 1967, dei colombiani Los Streaks: Operación A Go-Go.

Licenziato a suo tempo dalla Codiscos Zeida, etichetta colombiana che dal 1960 continua a riversare gioie garage beat sul pianeta terra e tutt’ora in attività (un altro nome storico di punta sono i Los Flippers, tanto per dire…), Operación A Go-Go è una delle testimonianze più credibili della bontà della scena Garage colombiana e che oggi viene riproposto dalla spagnola Munster, da sempre fonte di Garage latino squisito ed impeccabile.

Qui, come già premesso in apertura, si è preferita una riproposizione parziale di quel capolavoro:

un po’ un peccato dato che il 12”, oltre che essere quasi introvabile, è quotato intorno alle 800 euro…comunque sia, poco male:

l’importante è l’operazione di recupero di una delle formazioni più felici di quel periodo glorioso che, nella sua accezione colombiana, non ha nulla di che invidiare ai più noti colleghi a marchio USA, ma solo da aggiungere!

Un breve attacco in odore di psichedelia ci proietta tra le braccia di uno degli episodi più felici e noti del gruppo: Cosmos è un Garage Beat vivace e spensierato; sarà il cantato in spagnolo ma la spensieratezza trasuda da ogni nota, ogni scambio.

L’organo si delinea già qui come uno strumento centrale per tutto lo svolgimento del singolo: mai entrante e sempre piuttosto calibrato, di sicuro impatto ogni volta che, squillante, si inserisce nel manto strumentale: quasi un utilizzo post punk prima ancora che si dia un valore musicale al termine Punk e si arrivi addirittura a inserirci il prefisso post.

Escapate Mi Amor conferma l’atmosfera festaiola accentuandola, se possibile, ancora di più; un pezzo decisamente memorabile nelle sue armonie Pop, danzereccio, talmente danzereccio da risultare irresistibile.

Si muovono i fianchi mentre i piedi tengono il ritmo accennando dei passi di danza che si fanno sempre più frequenti fino a diventare un ballo scellerato a metà strada tra una danza Rock e un rito Voodoo, ed è proprio qui, in perfetta battuta, che attacca la cover di Psychotic Reaction (qui Reaccion Sicotica) dei Count Five:

la versione dei Los Streaks perde forse in morbosità e delirio rispetto all’originale, ma guadagna in ballabilità:

la danza è sempre più frenetica, incessante e poi qui l’organo si sbizzarrisce caratterizzando e marchiando questa reinterpretazione con la sigla del gruppo colombiano.

Il finale è affidato ad un breve brano in odore di Screaming Lord Sutch, con quel suo ritornello-calderone tra una voce declamata, risate isteriche a fare da controcanto e l’organo che interpreta il ruolo di strumento in primo piano.

In Soy Asi-Y Que, la strofa è sempre forsennata, ritmatissima in un finale stupendo, entusiasmante nella sua semplicità ma che, inaspettatamente, lascia l’amaro in bocca:

è proprio la consapevolezza che in origine non era tutto qui, che in realtà questi quattro brani non erano nati per un singolo ma per un LP completo, a interrompere la danza abrupto e lasciare quel senso di incompiuto, di festa interrotta proprio sul più bello.

La speranza, in ultima analisi, è che questo singolo abbia un valore più perlustrativo che altro, in attesa della ristampa per intero di Operación A Go-Go e poter continuare a ballare, scatenarsi, perdersi e ritrovarsi in uno dei riti che meglio valorizzano il genere e che pochi altri generi sanno rendere in pari qualità del Garage;

questo Rock n’Roll primitivo, istintivo, festaiolo ma così percussivo ed ossessivo da risultare allo stesso tempo disperato.

Incrociamo le dita.

Los Streaks – Reaccion Sicotica 1967-2022, Munster Records

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Still No One -This is fuel

Still No One -This is fuel: esordio discografico sulla lunga distanza per i trevigiani Still No One dal titolo “ This is fuel”, autoprodotto.

Casual Boots – Casual Boots

Casual Boots: a comporre questo ep fresco di uscita ci pensano quattro pezzi: l’agrodolce Flowers and Raindrops, la smithsiana Lost Things, la fiammata punk di Attitude (il mio brano preferito del lotto) e gli echi degli Housemartins  contenuti in Empty Room.

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati