Leeches Return To Sludge – 2021, Autoprodotto

Leeches Return To Sludge – 2021, Autoprodotto

https://wearetheleeches.bandcamp.com/

Ho aspettato eoni prima che il primo LP, su americana FDH, di questi svedesacci potesse impreziosire la mia collezione di dischi personale.

Eoni sul serio: prima le ben note difficoltà per chi stampa vinili in edizione limitata (eh, sapete, passano avanti i dinosauri che ne stampano tipo un triliardo di copie in edizioni di super lusso, per poi finire a ingombrare per mesi gli scaffali e svenderle alla metà della metà, perché i loro fan, in fin dei conti, la musica la ascoltano distrattamente e senza passione soltanto su Spotify), poi le ben note difficoltà di circolazione da paese a paese (ah, la dogana, i confini, le frontiere, gli stati-nazione…tutte belle invenzioni…) e infine le difficoltà per farle arrivare a casa mia (ah, le poste italiane, bella invenzione anche quella).

L’altro giorno mi è arrivato, annunciato circa una decina di giorni prima da un trionfante messaggio da bandcamp, l’ho messo sul piatto e ho goduto come un riccio; circa mezz’ora dopo è uscito questo, a dispetto quasi, senza ritegno né rispetto.
Non c’è nulla di cui sorprendersi comunque: Exobirth, primo LP degli svedesi, è in realtà un’uscita del 2017, solo su cassetta ovviamente, e poi riedita dalla FDH (fatevi un giro sul loro bandcamp, oltre alle ristampe dei 4 LP dei Lost Sounds hanno anche un sacco di gruppetti nuovi niente male: Baby Tyler, Los Gueys, Dark Web e, naturalmente, i Leeches) in versione vinilica solo quest’anno.

Ovviamente, da quel 2017, ne è passata di acqua sotto i ponti, i Leeches hanno pubblicato ben 6 cassette autoprodotte e il loro suono si è evoluto, pur rimanendo fedele al Synth garage futuristico di Exobirth.

I suoni si son fatti sempre più nebbiosi, offuscati da una fuliggine a bassa risoluzione e da una ricerca armonica sempre più votata alla rappresentazione di una morbosità viziosa e sociopatica.

Questo nuovo EP (per adesso solo in formato digitale) spinge ancora più in là i confini del gruppo e ne aumenta la cifra in violenza: Serve the master è un synth punk mozzafiato urlato, veloce e spietato, dove la voce si fonde con un tappeto di confusione sintetica.
Dawn of ratkind è quello che i Rudimentary Peni avrebbero voluto fare nel loro altalenante “Pope Adrian 37th Psychristiatric”: una nenia vocale accompagna l’andamento sostenuto di un pezzo dalle armonie disperate: una messa psichiatrica per menti bruciate.
Cosmic Daze è dove vorrei trovarmi adesso: un attacco di chitarra garage preannuncia un synth pop malinconico, la voce declama, urla, si schianta al suolo.
Non rimane più niente, solo un vuoto cosmico: KBC Void parte con dei suoni distratti, vaghi, meccanici, per poi aprirsi ad un delirio lento, un salmodiare all’altare del nulla lovecraftiano.

I grandi antichi dormono mentre i Leeches riprendono la loro marcia con Moons of Saturn e si torna alle ritmiche ossessive qui dal rigore quasi militaresco: la voce è stanca, annoiata, ma non annoia: il synth tiene sul pezzo e chiude il brano conducendolo verso la catastrofe: Return to sludge, che da giustamente un titolo al tutto, perde di consistenza e si propone, e decompone, come un annuncio video ritrovato sull’astronave di “Punto di non Ritorno” (film fantascientifico horror di inizio ’90, vi consiglio la visione prima di cimentarvi con i Leeches oppure di spegnere l’audio della pellicola e accompagnarla solo ed esclusivamente con questo Ep a rotazione).

Fa piacere sapere che esistano gruppi come i Leeches.
Fa piacere sapere che il pessimismo, da cosmico, si sia fatto anche interdimensionale.

 

 

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati

Tropical Fuck Storm - Submersive Behaviour_cover

Tropical Fuck Storm – Submersive Behaviour

È qui e richiede attenzione, perché i Tropical Fuck Storm hanno dimostrato più volte di saper far bene, di saper maneggiare il rock (alternativo, indie, noise, quello che volete) meglio di tanti altri – ma direi di quasi tutti.

Luca Ottonelli

Luca Ottonelli. E’ nato a Genova nel 1969 e ho completato i primi studi artistici avendo come maestro di Figura G. Fasce.