Le Carogne – Triodo

Le Carogne – Triodo

Per diventare una Carogna, non per esserne un componente attivo ovviamente, ma solo per entrare a far parte di un ristretto ed elitario clan bisogna accumulare punti carogna esattamente come si fa con quelli dei supermercati.

I punti si raccolgono presenziando ai loro live e supportandoli in qualsiasi modo, io da par mio sono solito indossare la loro stilosissima maglietta ogni qualvolta assista ad un concerto di un certo spessore, New Bomb Turcks, Jello Biafra etc. La band imperiese arriva a questo suo terzo album intitolato Triodo (dopo un primo omonimo ed il seguente intitolato secondo, una fantasia degna dei Led Zeppelin) avendo percorso un cammino di crescita ed in fondo di profonde mutazioni che chi ha avuto la fortuna di ascoltarli dagli esordi non può che riconoscere. I nostri sono ora molto più di un gruppo garage o rock’n’roll, il loro suono è pieno di idee ed influenze diverse e fa di questo disco una raccolta di canzoni molto diverse fra loro e spesso imprevedibili e spiazzanti. Ma andiamo con ordine cominciando dall’inizio e cioè con Deserto dove sembra di sentire una versione più punk e meno camp dei B52’s, le tastiere meno ieratiche del solito ed un ottimo apporto dell’armonica fanno di Primo Della Lista il brano più garage dell’album, vi si possono ascoltare tracce, sia pur molto lontane, dei Prisoners, Carogne Blues si distingue per l’ottimo testo che lo supporta mentre Di Tutti I Colori termina il lato a con un andamento obliquamente beat. Sul lato b si trovano due pezzi, Altrove e W.M.D., dall’incidere rapido e punkeggiante che mi hanno ricordato i Man Or Astro-Man? un band, che secondo me, ha diversi punti di contatto con questo quartetto dell’estremo ponente ligure, chiude il tutto un bellissimo pezzo di psychedelia allo stesso tempo sognante e cosmico Nightime dagli aromi meravigliosamente sixties e che ha la peculiarità di essere cantata in inglese dalla dolcissima voce femminile di Debora e in italiano da quella di Riccardo. Resta il fatto che nonostante abbia fatto davvero di tutto per collezionare punti carogna ed abbia seguito la band dagli inizi questo non mi ha lo stesso consentito di trovare uno spazietto nei ringraziamenti. Ragazzi da quando ho ricevuto il vostro album ed ho constato l’incresciosa dimenticanza non riesco più a dormire e mi nutro soltanto con qualche grissino e mezza bottiglietta d’acqua del lavandino, se mi avrete sulla coscienza sappiate che siete proprio delle Carogne!

TRACKLIST
1) Deserto 2) Primo Della Lista 3) Macchie 4) Carogne Blues 5) Di Tutti I Colori 6) Brigante 7) Altrove 8) W.M.D. 9) Nightime

LINE-UP
Riccardo Rossetti – Vocals/Organ/Syhth/Harmonica & Various strange eletronic freaks Stefano Rossetti – Bass & Backing Vocals Carlo Novaro – Guitar & Backing Vocals Daniele “Lo Slavo” – Drums

LE CAROGNE – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Madhouse – Secret antithesis

Terzo disco per i Madhouse capitanati dalla cantante cantante Federica Tringali e dal chitarrista Filippo Anfossi, il titolo è ” Secret antithesis” ed esce per Nadir Music. La proposta musicale dei Madhouse è un metal moderno e fresco, con rimandi gotici in alcuni passaggi.

Mudhoney, ad aprile il nuovo album. Condiviso il primo singolo

Dopo un silenzio discografico durato quattro anni (escludendo split singles e la ristampa espansa del 2021 per il trentennale di “Every good boy deserves fudge”, infatti, risale al 2019 l’ultima pubblicazione di materiale ufficiale, l’Ep “Morning in America”) tornano i Mudhoney

Still No One -This is fuel

Still No One -This is fuel: esordio discografico sulla lunga distanza per i trevigiani Still No One dal titolo “ This is fuel”, autoprodotto.

Casual Boots – Casual Boots

Casual Boots: a comporre questo ep fresco di uscita ci pensano quattro pezzi: l’agrodolce Flowers and Raindrops, la smithsiana Lost Things, la fiammata punk di Attitude (il mio brano preferito del lotto) e gli echi degli Housemartins  contenuti in Empty Room.