iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Knivad – Märkt För Livet

Giovane band svedese dalle idee molto chiare, i Knivad si propongono al pubblico con questo breve assaggio della loro furia edito su musicassetta dalla Bloosoaked Records.

Knivad – Märkt För Livet

Giovane band svedese dalle idee molto chiare, i Knivad si propongono al pubblico con questo breve assaggio della loro furia edito su musicassetta dalla Bloosoaked Records.

Dediti ad un mix tra hardcore, punk e black, gli scandinavi colpiscono nel segno mettendo sul piatto una convinzione ed una freschezza a tratti devastante.
Märkt För Livet ha una durata inversamente proporzionale all’intensità spasmodica che trasuda da ogni singola nota: ritmi spesso parossistici costituiscono l’instabile base su cui di snoda l’urgenza espressiva dei Knivad, con uno screaming ai limiti dell’asfissia a sovrastare un muro sonoro fatto di strumenti più malmenati che suonati.
Eppure, in tutto ciò, affiorano sprazzi di melodia, non solo nella clamorosa Skjut Ihjäl Dig, che resta la vetta assoluta del lavoro: in barba ad una copertina che potrebbe far pensare ad un progetto depressive i Knivad scelgono di veicolare il loro male di vivere con toni rabbiosi piuttosto che ripiegarsi su se stessi.
Una prova sorprendente per la sua rara efficacia e per la sua potenziale capacità di ottenere consensi trasversalmente, purché chi vi si approcci sappia apprezzare la musica anche quando è sporca, cattiva e rumorosa.

Tracklist:
1.Jag Blev Ingenting
2.Klingan Faller
3.Skjut Ihjäl Dig
4.Ett Försvarstal
5.Längst Ner I Skiten

KNIVAD – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Urza/Calliophis – Dawn of a Lifeless Age

Calliophis e Urza uniscono le loro forze proponendo lo split album Dawn of a Lifeless Age, molto interessante oltre che di durata corposa, con ciascun gruppo a proporre due brani inediti di durata superiore ai 10 minuti e, soprattutto, di ottimo livello qualitativo.

Orphean Passage – Apart

La bravura degli Orphean Passage risiede nel fare propria la lezione di chi ha codificato a suo tempo il death doom melodico per poi assemblarne i diversi stili, regalando un album come Apart struggente, melodico e, allo stesso tempo, fresco come si conviene a una band al primo passo discografico

Blazing Eternity – A Certain End of Everything

Un eccellente album come A Certain End of Everything può sorprendere solo chi non conosce i Blazing Eternity a causa del loro lungo silenzio discografico, perché sulle doti intrinseche di questa band non ci sono mai stati soverchi dubbi.

Forever Falling – The Determinism of Essence in Matter

The Determinism of Essence in Matter, nonostante i riferimenti filosofici del titolo siano suggestivi di una certa profondità concettuale, è un lavoro che penetra con un certo agio le difese dell’ascoltatore grazie a un approccio sincero, fluido e privo di artifici al funeral death doom da parte dei Forever Falling.