Janpalach – Sensation

Janpalach – Sensation

Janpalach è un misterioso gruppo ucraino.

Janpalach è la dimostrazione che la musica e la letteratura possono viaggiare ed essere più potenti della tecnologia attuali. Rimbaud avrebbe mai immaginato di poter diventare il nome, ma soprattutto l’autore dei testi di questi ragazzi ucraini, fautori di un post rock screamo davvero notevole ? Forse no, forse sì, magari quando era in stato d’ebrezza, e per sua fortuna lo era spesso. Questi ragazzi fanno un post rock con sfuriate screamo, un suono molto potente, poetico e sempre in bilico, tra disagio, voglia di lottare e la quotidianità. La poesia è la peggiore nemica di questa quotidianità, abito che ci viene dipinto addosso e che è la nostra prima causa di morte. Bisogna uscire, travalicare il nostro io, rincorrere con il nostro corpo la nostra che se ne sta definitivamente andando, persa nello smog di ciò che chiamiamo progresso. Janpalach può essere ancora sinonimo di liberazione, usando la musica come valvola di sfogo, unendola al percorso poetico di Rimbaud, che è unico anche nel variegato panorama della poesia. Janpalach è anche particolarità musicale, fatto di invenzioni estemporanee, fisiche e di cuore. Il disco è in free download sul loro bandcamp, oppure lo si può ordinare nel formato cassetta, che è il giusto piano fisico di un lavoro così, figlio della rabbia, dello stile, e della cospirazione diy, perché il vento aiuta sempre.

TRACKLIST
1.Ouverture
2.Sensation
3.Conclusion

JANPALACH – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati

Tropical Fuck Storm - Submersive Behaviour_cover

Tropical Fuck Storm – Submersive Behaviour

È qui e richiede attenzione, perché i Tropical Fuck Storm hanno dimostrato più volte di saper far bene, di saper maneggiare il rock (alternativo, indie, noise, quello che volete) meglio di tanti altri – ma direi di quasi tutti.

Luca Ottonelli

Luca Ottonelli. E’ nato a Genova nel 1969 e ho completato i primi studi artistici avendo come maestro di Figura G. Fasce.