iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Invasione Monobanda Vol. 6

Invasione Monobanda Vol. 6

Dead Music Roma & In Your Eyes Zine sono lieti di annunciare il nuovo episodio di “Invasione Monobanda vol 6” ; il podcast di Uomini Orchestra ideato e curato da Freddie Koratella

“Quando si è soli sopra un palco, con il pubblico sotto che ti osserva, bisogna averci gli attributi giusti per scatenare l’inferno. Bisogna infischiarsene di tutto e di tutti.  Perché quando sei solo e non hai nessun appiglio a cui aggrapparti; puoi solo andare avanti. Poche scuse, tanto sudore”

In questo episodio troverete:

1)Bloody Mary Una Chica Band – Break the Spell (Brasile)

2)Branquias Johnson – Penumbra (Spagna)

3) Bam Box – Double Middle Finger (Italia)

4) Sid the Dig Digger – What I’m (Italia)

5) La Bruta One Woman Band – Divine (Italia)

6) Jacob T. Skeen – I Wont Roll on My Grave (Usa)

7) Mr Deadly One Bad Man – Your Breakfast (Italia)

8) El Monstruo Azul – Wacho (Uruguay)

9) Jeff Coal – Burrito Killer (Italia)

10) My Body Horse – Jumper on the Line (Francia)

11) Krank Williams – Rebel  Inside (UK)

12) Mirko Big Bon – Cottonfield (Italia)

13) Gipsy Rufina – E45 (Italia)

Altri Podcast onemanband:

Volume 2
Volume 3

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Urza/Calliophis – Dawn of a Lifeless Age

Calliophis e Urza uniscono le loro forze proponendo lo split album Dawn of a Lifeless Age, molto interessante oltre che di durata corposa, con ciascun gruppo a proporre due brani inediti di durata superiore ai 10 minuti e, soprattutto, di ottimo livello qualitativo.

NEGAZIONE/DECLINO – MUCCHIO SELVAGGIO

C’era una volta, in Italia, una scena musicale che – fatto abbastanza raro – non era (troppo) derivativa da influenze esterofile e, per potenza e (bassa) qualità della proposta, non aveva nulla da invidiare alle scene omonime (ma ben più grandi, “quotate” e visibili) inglesi/europee