dal 1999

Recensione : Grazie a Dio di Ozon

Grazie a Dio di Ozon: un film dolorosamente necessario ed estremamente attuale, che colloca il grande schermo all’interno della denuncia sociale per scuotere l’opinione pubblica.

Grazie a Dio di Ozon

Titolo: Grazie a Dio

Regia: François Ozon

Produzione: Francia

Anno: 2019

 Alexandre vive con moglie e figli a Lione. Un giorno scopre che il prete che lo ha molestato quand’era un boy-scout non solo non è stato allontanato dalla Chiesa, ma lavora ancora con ragazzi e bambini. Prima sono i ricordi a lungo rimossi a riaffiorare dolorosamente, poi è il coraggio: Alexandre agisce contro il prete, e la sua ricerca di ulteriori vittime lo porta a incontrare François ed Emmanuel, anche questi in lotta – ognuno in modo del tutto personale, con le proprie diversità – perché il colpevole paghi e la storia venga a galla.

Basato sul caso reale di padre Bernard Preynat che, nel 2016, è stato accusato d’aver aggredito sessualmente circa settanta ragazzi a Lione.

Un film su:

 

  • gli equilibri irrimediabilmente spezzati in chi ha subito abusi sessuali;
  • l’impossibile perdono;
  • la prescrizione di reati che hanno, invece, bisogno di molto tempo per essere metabolizzati e denunciati;
  • il tradimento e l’omertà della Chiesa;
  • il desiderio e la paura di parlare;
  • le richieste inascoltate d’aiuto di vittime e colpevoli;
  • le famiglie che sembrano perfette.

 

Da vedere perché ancora una volta si rimane scioccati dalla frequenza degli abusi sessuali sui bambini, e non solo su questi.

Un film dolorosamente necessario ed estremamente attuale, che colloca il grande schermo all’interno della denuncia sociale per scuotere l’opinione pubblica. Ha detto Ozon, il regista: “Da parte della Chiesa si continua a parlare di tolleranza zero verso queste cose, ma di fatto le azioni non sembrano seguire questa volontà. Ad esempio, dispiace pensare che Papa Francesco a tutt’oggi non abbia accettato le dimissioni del cardinale Barbarin (arcivescovo di Lione)”.

La finzione di Ozon ricalca la realtà: i nomi utilizzati nel film sono autentici (tranne quelli delle vittime per un dovuto rispetto alle famiglie) e molti interrogatori sono quelli dei verbali giudiziari.

L’associazione di riferimento per le denunce contro il prete pedofilo al centro del film è “La parola liberata”, che riunisce le vittime di padre Preynat.

Grazie a Dio di Ozon

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Martin Eden di Jack London

Martin Eden Jack London

Martin Eden scritto da Jack London: un giovane marinaio di origini umili si innamora di una ragazza della borghesia. Per conquistarla, si impegna a diventare uno scrittore, ma il successo gli porterà solo disillusione e dolore.

Deth Kaktus – Prick

I Deth Kaktus sono un gruppo originale, potente e molto molto divertente con canzoni di qualità ben al di sopra della media, per un’apocalisse divertente e rumorosa, senza tassi di interesse.

S.G.A.T.V. – S.G.A.T.V.

Nelle sonorità dei SGATV si può riconoscere e distinguere anche la geometria fredda e imperscrutabile di tanta NDW (la Svizzera è stato il paese dei grandissimi Grauzone che, ad ogni buon conto, gli SGATV hanno ascoltato e fatto tesoro)