Fou – Ho Trovato Godot

Fou – Ho Trovato Godot

I milanesi Fou, a quasi sei anni dal loro precedente album (“Procurarsi Guanxi”, Novunque Records) ritornano per Dischi Soviet Studio con i nove brani di Ho Trovato Godot. Il disco, muovendosi su sonorità indie pop/indie rock, vede la partecipazione di Piergiorgio Pardo e Diego Palazzo (entrambi membri degli Egokid).

Le chitarre di Ho Trovato Godot In Un Kinder, ondeggiando tra delicatezza pop e ruvidezza rock, danno vita a una frizzante sorta di folle filastrocca, aprendo alla veloce linearità dell’accattivante Il Sabato Del Silenzio (leggermente in crescita nel finale) e al morbido galleggiare della rilassata e pacata Canzone Noir. Cleaning Song, più elettrica ed energica, non rinuncia alla componente melodica, mentre Segreto e la sua elettronica squadrata (che si scioglie nella seconda parte), lasciano che a proseguire siano il solare esplodere di Rotola e la timida malinconia di Dongtan (in apertura nella parte conclusiva). Candida, infine, tra chitarre corpose e piglio rock’n’roll si contrappone all’amaro chiudere di Fuori/Dentro (Io Sto Fermo) e al nascosto accarezzare della sghemba traccia nascosta.

Con questo secondo album i Fou confermano di possedere ottime qualità. I nove/dieci brani proposti scorrono uno dopo l’altro lisci come l’olio, facendosi notare per la capacità di sviluppare ottime melodie anche quando, tra elettronica e chitarre, cercano di mettere in crisi il classico formato canzone. Un disco fresco e piacevole.

Tracklist:
01. Ho Trovato Godot In Un Kinder
02. Il Sabato Del Silenzio
03. Canzone Noir
04. Cleaning Song
05. Segreto
06. Rotola
07. Dongtan
08. Candida
09. Fuori/Dentro (Io Sto Fermo)

FOU – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati

Tropical Fuck Storm - Submersive Behaviour_cover

Tropical Fuck Storm – Submersive Behaviour

È qui e richiede attenzione, perché i Tropical Fuck Storm hanno dimostrato più volte di saper far bene, di saper maneggiare il rock (alternativo, indie, noise, quello che volete) meglio di tanti altri – ma direi di quasi tutti.

Luca Ottonelli

Luca Ottonelli. E’ nato a Genova nel 1969 e ho completato i primi studi artistici avendo come maestro di Figura G. Fasce.