iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Eyeconoclast – Clustered Dead Ending Corridors

Eyeconoclast - Clustered Dead Ending Corridors: questi signori suonano un death con fortissime influenze trash. Dopo molti cambi di formazione come di norma, molte pers...

Eyeconoclast – Clustered Dead Ending Corridors

questi signori suonano un death con fortissime influenze trash. Dopo molti cambi di formazione come di norma, molte persone non riescono a suonare in maniera seria e lavorare poiché s’ha da campà pure. Comunque abbiamo questo cd tra le mani, o meglio, dentro lo stereo, e mi piace. La produzione è ottima, suono pulito e potente, ad opera di Stefano «Saul» Morabito, chitarrista della band e proprietario dei 16th Celar studios, già produttore del promo cd degli Eyeconoclast. Il primo pezzo è indicativo su cosa vogliono, principalmente vogliono dare un pugno nello stomaco all’ascoltatore, e ci riescono benissimo. Quello che colpisce maggiormente è la voce, potente ma allo stesso armoniosa e con un’ottima pronuncia inglese. «Overload 5790» è più melodica, figlia di un certo modo di fare death moderno. Passiamo alla terza traccia, «Speedlight trauma for reconstructiion», pezzo tirato che non lascia scampo. Il quarto giro della manopola ci fa trovare «Axiom of the dyode gods», più cadenzato rispetto agli altri, con aperture vocali notevoli. Non crediate che la sola voce sia degna di nota, tutto il gruppo avanza compatto e il risultato è notevole. L’ultima canzone di questo preludio all’album di lunghezza maggiore è «Cursors», il discorso non cambia, la potenza rimane invariata. Ottimo promo, spero non abbiano problemi a trovare contratto, se lo meritano davvero.

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Intervista Michele Borgogni

Abbiamo avuto la fortuna di fare due chiacchiere con Michele Borgogni, scrittore aretino di weird, fantascienza, ma soprattutto cantore di storie belle, interessanti e che nascono spesso dal nostro quotidiano, che è già molto weird di suo.