iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Dubby Dub – Sorry No Dub

Dubby Dub - Sorry No Dub: I ferraresi Dubby Dub (Andrea Pulga, Mauro Pulga, Flavio Tomei, Enrico Negri), debuttanti solo un anno fa con il piacevo...

Dubby Dub – Sorry No Dub

I ferraresi Dubby Dub (Andrea Pulga, Mauro Pulga, Flavio Tomei, Enrico Negri), debuttanti solo un anno fa con il piacevole Rock’n’roll Head, ritornano con l’energico e accattivante Sorry No Dub. Il disco, uscito per Ammonia Records e Alka Records, si fa notare, ancora una volta, per la caratteristica di essere completamente suonato senza nemmeno una nota di basso.

Love Kills apre il lavoro sfrecciando corposa ed energica come un pugno in pieno volto (centrando il bersaglio con le melodie accattivanti), mentre Pleasure, più ispida e spettinata, lascia maggior spazio a voce gridata ed aggressività. Settle Down, tra cascate di chitarra e ritornelli da headbanging compulsivo, cede il passo alla meno efficace Space Control e alle grasse chitarre di My Heaven Is Far. Possibility, messa da parte tutta (o quasi) l’elettricità, suona allegra e spensierata, lasciando spazio alla breve (ma intensa) Flipper e ai riff ruffiani di Lock The House. Whatever, quasi in fondo, scorre come un fiume in piena, seguita dai ritornelli fulminanti di Oh Liar! e dall’energia incontenibile della conclusiva Envelope.

I Dubby Dub pubblicano un disco che si mantiene su un alto livello qualitativo. Il pezzo decisivo latita ancora, ma l’alta dose d’energia, la compattezza complessiva del lavoro e le buone capacità compositive lasciano intuire che la band abbia ancora molto da mostrare. Un disco convincente.

TRACKLIST:
01. Love Kills
02. Pleasure
03. Settle Down
04. Space Control
05. My Heaven Is Far
06. Possibility
07. Flipper
08. Lock The house
09. Whatever
10. Oh Liar!
11. Envelope

Dubby Dub

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Liede – Stare Bravi

L’intero disco, escluso qualche piccolo momento di fiacca, si fa notare per la buona qualità complessiva e per la presenza di almeno un paio di fiori all’occhiello

Phidge – Paris

Un disco per nostalgici, forse, ma di quelli ben fatti e in grado di mantenere una propria personalità

Psiker – Maximo

Con questi dieci brani, Psiker costruisce un ampio e personale tributo all’elettro pop italiano di fine anni ’90