iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : DEAF – DEAF

In questo poco tempo i DEAF concentrano il meglio della storia del thrash e non solo..

DEAF -S/t Cd-Slack records

DEAF – DEAF

Tra i vari messaggi della chat di In Your Eyes leggo Slack Records, e subito drizzo le orecchie, perché i ragazzi marchigiani non deludono mai. Poi guardo meglio e leggo “Crossover Thrash stile Bay Area, S.O.D., Anthrax”.

Apro la pagina Bandcamp e mi ritrovo il logo della band che è il rip off dell’adesivo Zorlac Skatebords-“Shut up And Skate”. Come si suol dire, se prima avevate la mia curiosità ora avete decisamente la mia attenzione!

Il disco è una bomba di 11 tracce, in generale della durata di poco più di un minuto, ma con qualche pezzo di due o tre minuti. In questo poco tempo i DEAF concentrano il meglio della storia del thrash e non solo, con evidenti incursioni talvolta nel metal classico e talvolta nel punk. Il tutto con una scelta di suoni esemplare, che non dà spazio a trigger o chitarre boiler come purtroppo va di moda nel genere oggi, ma con un bel tripudio di valvole e dinamica! Il disco è tutto registrato in analogico, e ci trovo alcune affinità col sound di Prank degli Antares ( disco eccezionale di quello che per me è il miglior gruppo italiano in attività) nonostante il genere diverso.

Dalla prima traccia “Tourniquet” (seconda in realtà, la prima è DEAF che è un intro come nella miglior tradizione del genere) che mi ha subito rievocato i migliori Testament, all’ultima “Burnout” che è quasi speedrock alla Zeke più incazzati, passando per “Tunnel Rat” (con un intro mosh che farebbe felici Billy Milano e Scott Ian, e che vede la partecipazione illustre di Marchino degli ED/Ban This, ecc) e la mia preferita “Cannibal Haze” con il ritornello da fingerpointing, è tutto un susseguirsi di riffoni eccezionali, velocità, cavalcate e assoli. Il tutto dosato e miscelato con estremo gusto, e con quella vena rock n’ roll che ogni tanto viene fuori e vi ricorda che state comunque ascoltando un disco Slack Records! l’interludio “Ness” poi, che è la penultima traccia, per me è un chiaro tributo a The Ides of March dei Maiden , perché dopotutto senza la NWOBHM pochi di noi sarebbero qua a suonare o parlare di musica, io no di sicuro.

Un album potentissimo che mi ha fatto scapocciare non poco in questi giorni, e che in auto dura esattamente il tempo necessario da casa al mio surf spot di fiducia. Se come me vorreste aver vissuto gli anni 80/90 a Venice Beach, che ve lo dico a fare :
Shut up and listen to DEAF!!!!

bandcamp:

INSTAGRAM: https://www.instagram.com/deafmengarock/
FACEBOOK: deafmegarock
CONTACT: en.mengarelli@gmail.com (Slack Records)

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

LONG KNIFE: CURB STOMP EARTH 12''-Sabotage Records

LONG KNIFE: CURB STOMP EARTH 12”

Curb Stomp Earth dei Long Knife in realtà è un disco uscito nel 2022, ma colgo l’occasione dell’uscita della ristampa europea in vinile, per parlare di un album strepitoso.

So Fuckin’ Confused – Cuenzo Cafè

Se vi manca il suono degli anni migliori Epitaph/Fat Wreck con una punta di colore(e calore) nostrano, correte a spararvi gli SFC a volume smodato!!! So Fuckin’ Confused – Cuenzo Cafè deve essere vostro.