Dayglo Demons – Dayglo Demons

Dayglo Demons – Dayglo Demons

Dayglo Demons - Dayglo Demons 1 - fanzineDario Troso ha attraversato da protagonista le stagioni d’oro della storia dell’underground italiano degli ultimi 30 anni, lasciandone tracce importantissime con i progetti di cui ha fatto parte: pioniere con gli Isola Posse All Stars, passando per Sangue Misto, Sud Sound System ed i suoi album solisti a nome Gopher (“Lu Servu De Diu, pietra miliare dell’hip hop italiano quest’anno compie 20 anni), Neo-Ex (insieme a Kaos One), Unto Ke, King Bleso.

Ma lui è sempre stato un solitario, un irrequieto, sempre scomodo se lo costringi a rimanere sulla stessa sedia per troppo tempo, uno che a un certo punto si alza e se ne va a ricercare la sua strada. Infine, uno che se ti deve mandare a fare in culo non ci pensa due volte. Era un punk nell’asfittica provincia salentina degli anni ’80 del vecchio millennio ed è ritornato ad esserlo nell’asfittica provincia salentina degli anni ’10-’20 del nuovo millennio.

La sua nuova produzione è una follia artistica e sonora: con il moniker di Dayglo Demons si ripresenta come one band band suonando tutti gli strumenti come fossero un’unica percussione: chitarra, basso, batteria, campionamenti e tutte le sue influenze stilistiche che si armano e si coalizzano come fosse una resa dei conti.

Hardcore punk a bassa fedeltà e ad altissimo nervosismo, Cramps, il garage più marcio e certo rockabilly teso e scalcinato, i Clash, eterno amore, e i Dead Kennedys, schitarrate surf, Bo Diddley e Billy Childish, passaggi dub malati, cover allucinate di Beatles (“Paperback Writer”) e Police (“Invisible Sun”), fugaci inserti funkeggianti. Per un totale di 27 brani che ti martellano per quasi 40 velocissimi minuti.

Progetto insano, esplosivo, assolutamente da supportare.


Track List
1. WASTED MARTIAN ACROBATS
2. OUTER SPACE MUD
3. SWAMPLAND TENTACLES
4. NEW GALAXY
5. DAYGLO STOMP
6. GRAVE DIGGIN’
7. WRECKIN’ TRAPEZE
8. UCM2
9. INVISIBLE SUN
10. TROPICAL BEDLAM
11. BLUE ELEPHANT
12. LADYBUG ZOMBIE
13. PAPERBACK WRITER
14. WORLDS ARE FALLING
15. MESS AROUND
16. VOMIT CIRCUS
17. WRONG DIRECTION
18. QUIET MAZE
19. NAT SIRT AND ARAZ TEE
20. LIPSTICK ON DINOSAURS
21. RED PILLS
22. SURFIN’ CISSY
23. WEREOCTOPUS
24. TV IS WATCHING ME
25. FURRY SPOT IN A HAIRLESS WORLD
26. LOST ON THE HIGHWAY
27. RAT BAIT

Etichetta Label
Dayglo Demons

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Still No One -This is fuel

Still No One -This is fuel: esordio discografico sulla lunga distanza per i trevigiani Still No One dal titolo “ This is fuel”, autoprodotto.

Casual Boots – Casual Boots

Casual Boots: a comporre questo ep fresco di uscita ci pensano quattro pezzi: l’agrodolce Flowers and Raindrops, la smithsiana Lost Things, la fiammata punk di Attitude (il mio brano preferito del lotto) e gli echi degli Housemartins  contenuti in Empty Room.

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati