iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

CUT, nel 2023 il nuovo album. Condiviso il primo singolo

CUT, nel 2023 il nuovo album. Condiviso il primo singolo

Nel 2023 torneranno anche i CUT, veterana garage/punk/noise band bolognese che ha firmato con la label locale Improved Sequence e ha da poco annunciato la pubblicazione del suo nuovo album, intitolato “Dead City Nights“, la cui uscita è prevista per il 24 febbraio del prossimo anno.

 

Composto durante il periodo pandemico, registrato dal gruppo con l’ausilio del produttore Bruno Germano al Vacuum Studio a Bologna, e ultimato a Chicago da Carl Saff al master, il full length arriva a cinque anni di distanza dall’ultimo Lp, “Second Skin“, e rappresenta, complessivamente, il settimo long playing del gruppo di Bologna, forte di un solido percorso musicale che va avanti ormai da venticinque anni, e che vedrà per la prima volta su disco il contributo del batterista Tony Booza (già in formazione da un lustro) nella collaudata line up a tre (con doppia chitarra) insieme al frontman Ferruccio Quercetti e a Carlo Masu.

 

Qui è possibile effettuare il pre-order, ed è stato condiviso un primo assaggio dall’album, il singolo “I Ain’t Got You“.

 

Di seguito artwork, tracklist e streaming del brano.

 

Cut - Cut, Nel 2023 Il Nuovo Album. Condiviso Il Primo Singolo

 

 

CUT nuovo singolo

1. They Got Beat
2. Wasting My Days
3. I Ain’t Got You
4. Your Face
5. Raping My Mind
6. Dig It!
7. Dead City Night
8. I Know What I Know
9. Hit The Stride
10. A Simple Lie
11. Safer Road
12. Sacred Path
13. All Dreams Are Gone

 

 

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Urza/Calliophis – Dawn of a Lifeless Age

Calliophis e Urza uniscono le loro forze proponendo lo split album Dawn of a Lifeless Age, molto interessante oltre che di durata corposa, con ciascun gruppo a proporre due brani inediti di durata superiore ai 10 minuti e, soprattutto, di ottimo livello qualitativo.

NEGAZIONE/DECLINO – MUCCHIO SELVAGGIO

C’era una volta, in Italia, una scena musicale che – fatto abbastanza raro – non era (troppo) derivativa da influenze esterofile e, per potenza e (bassa) qualità della proposta, non aveva nulla da invidiare alle scene omonime (ma ben più grandi, “quotate” e visibili) inglesi/europee