Combomatix – Chinese Songs For Bad Boys

Combomatix – Chinese Songs For Bad Boys

Psichedelia, garage, punk e tanta nevrosi, questo è quel che traspare già dall’intro di Chinese Songs for Bad Boys, secondo album del duo francese Combomatix.

Chitarra (Jambon) e batteria (Warren) tanto bastano per metter su questo capolavoro proveniente da una nazione che oggi sta dettando legge in materia.
Registrato e mixato nel Novembre del 2014 esce solo oggi, a quattro anni di distanza dall’omonimo album (Frantic City Rds, 2012) per Howlin Banana e Retard Records, con distribuzione Modulor.
Rispetto al passato i Combomatix abbandonano sempre più la forma canzone e si lasciano trasportare dalla loro vena più primitiva e sperimentale. Il rilassante intro con tastiera distorta può trarre leggermente in inganno sulle reali intenzioni, infatti dopo appena, si fa per dire, due minuti ecco Wet Bones, un inno o forse una minaccia a ballare e sudare fino alle ossa seguendo una chitarra effettata a base di delay e voce urlante su una batteria che incalza sempre più, soprattutto nel finale. Chinese Thought e soprattutto Another Shakin sono caratterizzate da continui cambi di ritmo che lasciano stupiti. Il lato A si chiude con I’m On It, dove le influenze di Gories e soprattutto Oblivians sono maggiormente evidenti.
Lo splendido lato B si apre nuovamente con una sorta di garage sperimentale a base di tastiere tremolanti e schizzate, con Never Cut The Wire, per passare poi ad influenze più 60s, con Take A Ride e Guinea Pig, diventando addirittura surf su I Got Pills. Degna chiusura e sintesi di questo album è I’ll Make You Mad, forse il vero obiettivo della band … per cui prestate molta attenzione, siete avvisati!

Tracklist:

Lato A
1. Intro
2. Wet Bones
3. Chinese Thought
4. Another Shakin
5. I’m On It
Lato B
6. Never Cut The Wire
7. Take A Ride
8. Guinea Pig
9. I Got Pills
10. I’ll Make You Mad

Line-up:
Jambon: Guitar / vocals / key¬board
Warren: Drums

 

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Still No One -This is fuel

Still No One -This is fuel: esordio discografico sulla lunga distanza per i trevigiani Still No One dal titolo “ This is fuel”, autoprodotto.

Casual Boots – Casual Boots

Casual Boots: a comporre questo ep fresco di uscita ci pensano quattro pezzi: l’agrodolce Flowers and Raindrops, la smithsiana Lost Things, la fiammata punk di Attitude (il mio brano preferito del lotto) e gli echi degli Housemartins  contenuti in Empty Room.

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati