Che Mi Dici Di Stefano Rosso

Che Mi Dici Di Stefano Rosso: Fenomenologia di un cantatore rimosso // Mario Bonanno e Stefania Rosso // Stampa Alternativa Il testo che abbiamo dava...

Che Mi Dici Di Stefano Rosso

Fenomenologia di un cantatore rimosso // Mario Bonanno e Stefania Rosso // Stampa Alternativa

Il testo che abbiamo davanti dichiara di voler colmare una “lacuna storica” ed in effetti se si digita Stefano Rosso su google non si trova molto.Come tutti, beh non proprio tutti altrimenti non staremmo qui a parlare di lacuna, conosco Stefano Rosso per Una storia disonesta, la canzone che per la prima volta usa, nel testo, la parola spinello.

Questo libro và letto perché piacevole, anedottico nelle citazioni di amici e ammiratori, commovente grazie al ricordo della figlia, intimo nelle pagine Autografi, rubate al suo diario. Ne emerge la figura di un cantautore che viveva il suo tempo, poeta, uomo libero, anarchico, sognatore, ironico.
Leggenda vuole che avesse un brutto carattere ma non credo basti a far dimenticare un artista senza dubbio di valore quale era il nostro Rosso. Anche se Mia Martini, che nel ’76 canta Preghiera di un quasi sconosciuto Stefano Rosso, ci ha dimostrato che se se l’industria dell’intrattenimento decide, può succedere questo ed altro.
Se un limite hanno queste pagine è quello di non andare a fondo della questione, forse perché una spiegazione non c’è.
Il libro porta con se un cd e questo, a prescindere da tante parole, è il modo migliore per opporsi alla rimozione!

Che Mi Dici Di Stefano Rosso - In Your Eyes Ezine

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

“Riflessioni sulla pena di morte” di Albert Camus, edito da SE

Riflessioni sulla pena di morte di Albert Camus

“Réflexions sur la guillotine” è un saggio del ’57 di Camus che appare prima sulla “Nouvelle Revue Francaise” e poi nel libro “Réflexions sur la peine capitale”

Alexander Gonzalez Delgado

Gonzalez Delgado (o piĂą semplicemente Sasha), nonostante l’avversione di Zuckerberg per il corpo nudo e i capezzoli femminili in primis.

The Rellies - Monkey / Helicopter 7"

The Rellies – Monkey / Helicopter 7″

The Rellies : adoro questo gruppo di fanciulli, suonano semplice e sghembo come piace a me e, a quanto pare, non sono l’unico giacchĂ© questo singolo viene licenziato da un’etichetta stravirtuosa come la Damaged Gods.