iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Che Mi Dici Di Stefano Rosso

Che Mi Dici Di Stefano Rosso: Fenomenologia di un cantatore rimosso // Mario Bonanno e Stefania Rosso // Stampa Alternativa Il testo che abbiamo dava...

Che Mi Dici Di Stefano Rosso

Fenomenologia di un cantatore rimosso // Mario Bonanno e Stefania Rosso // Stampa Alternativa

Il testo che abbiamo davanti dichiara di voler colmare una “lacuna storica” ed in effetti se si digita Stefano Rosso su google non si trova molto.Come tutti, beh non proprio tutti altrimenti non staremmo qui a parlare di lacuna, conosco Stefano Rosso per Una storia disonesta, la canzone che per la prima volta usa, nel testo, la parola spinello.

Questo libro và letto perché piacevole, anedottico nelle citazioni di amici e ammiratori, commovente grazie al ricordo della figlia, intimo nelle pagine Autografi, rubate al suo diario. Ne emerge la figura di un cantautore che viveva il suo tempo, poeta, uomo libero, anarchico, sognatore, ironico.
Leggenda vuole che avesse un brutto carattere ma non credo basti a far dimenticare un artista senza dubbio di valore quale era il nostro Rosso. Anche se Mia Martini, che nel ’76 canta Preghiera di un quasi sconosciuto Stefano Rosso, ci ha dimostrato che se se l’industria dell’intrattenimento decide, può succedere questo ed altro.
Se un limite hanno queste pagine è quello di non andare a fondo della questione, forse perché una spiegazione non c’è.
Il libro porta con se un cd e questo, a prescindere da tante parole, è il modo migliore per opporsi alla rimozione!

- Che Mi Dici Di Stefano Rosso

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Amarok – Resilience

La cifra compositiva degli Amarok è piuttosto personale in quanto, rispetto al più canonico sludge doom, la band californiana non teme di rallentare i ritmi fino a sfiorare un’asfissia scongiurata dal mood atmosferico e melodico che pervade buona parte di un lavoro riuscito come Resilience.

THE BEVIS FROND – FOCUS ON NATURE

Nick Saloman è uno di quei musicisti che, a dispetto delle mode e dell’attualità del contesto storico-musicale (e nel fare ciò, per fortuna, è ancora in buona compagnia: Billy Childish, Graham Day, Robyn Hitchcock, Anton Newcombe, Mike Stax, Robert Pollard…) è sempre andato dritto per

Holy shoes di Luigi Di Capua

Holy shoes di Luigi Di Capua

Holy shoes: pone una domanda interessante che ben si colloca in questa nostra Società dei consumi: cosa cerchiamo di ottenere attraverso gli oggetti?