Cave – Torino 17 Settembre 2014

Cave – Torino 17 Settembre 2014

Cave, Bettie Blue, La Stanza di Greta al MAGAZZINO SUL PO

Il concerto inizia puntuale, alle 22:00 si parte con La Stanza Di Greta, band del posto, un cantautorato italico con riferimenti a Guccini e De Andrè;  cambio palco e sale il duo Bettie Blue, batteria e chitarra, che propone una sorta di alternative/hardrock: mi fermo a capire dove vogliano andare a parare e, ovviamente, non capisco.

Dopo pausa sigaretta e whisky in mano mi posiziono davanti al palco, da buon nerd; il pubblico attende con ansia l’inizio dei Cave, forse anche perché, essendo un mercoledì, c’è ancora qualcuno che ha un lavoro. Si parte subito con dei suoni della madonna, una sorta di Dr. John più inacidito e kraut. Si va avanti con questa potenza soul kraut, ma si sente che l’aria sta cambiando, sta mutando in un asfalto stellare, questa torbida atmosfera si trasforma in un cacofonico e pazzesco drone, e tutto si evolve come se fosse quasi un altro concerto.
L’aggiunta dei fiati rende il tutto più orientaleggiante, ma senza cedere al pop. Non capisco perché tutti si ostinino a definirli kraut rock, dal vivo i Cave tirano fuori delle sonorità nascoste (ma neanche troppo) degna dei Can o dei Faust, con una disinvoltura sempre meno comune, anche se sembrano dei timidoni al loro primo concerto.
Finito lo show, il bis non si fa aspettare: tutti a bocca aperta ci ritiriamo fuori dal Magazzino Sul Po che, con la sua iniziativa “fino a mezzanotte”, spero riesca a far stanare un po’ più presto gli amanti dei live dalle proprie case, perché si sa , in Italia i concerti iniziano troppo tardi e la colpa è tutta del pubblico con il culo pesante!

cave

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

The Cogs – White Boy, White Girl

The Cogs – White Boy, White Girl: son dischi come questo che mi fanno ancora credere che qualcosa si può fare, che non tutto è finito: finché in giro ci saranno persone come i Cogs non ci si può sentire soli, isolati, incompresi; è davvero impossibile.

Intolerant - Zero Point - Extreme Chaos Records\Despise The Humans-2022

Intolerant – Zero Point

Intolerant Zero Point: Il risultato è un disco di una potenza e di una nera bellezza incredibile, una guerra combattuta schiacciando ossa e vite con macchine gigantesche guidate da negromanti che mangiano lsd e respirano fumi radioattivi.

“Non c’è ritorno” di Jim Shepard, edito da 66THAND2ND

Non c’è ritorno di Jim Shepard

Nell’introduzione a questi racconti, ha scritto: “Imparare a perdere una partita, dopotutto, non è un modo sbagliato per iniziare a imparare come perdere qualcosa di più grave. Non c’è ritorno di Jim Shepard

Brian Jonestown Massacre, nel 2023 il nuovo album: ecco i dettagli

Anton Newcombe ha annunciato di avere in programma un nuovo album per la sua creatura neopsichedelica Brian Jonestown Massacre. Il long playing si intitola “The future is your past” e vedrà la luce il 10 febbraio del prossimo anno su A Recordings, etichetta fondata dallo