Broadcash Feat. Bobby Solo – Broadcash Plays Cash Featuring Bobby Solo

Broadcash Feat. Bobby Solo – Broadcash Plays Cash Featuring Bobby Solo

Che Johnny Cash, l’unico ed inarrivabile uomo in nero, sia una vera e propria icona, quasi più a livello attitudinale che non semplicemente musicale, del rock’n’roll penso sia innegabile anche per il verduriere sotto casa mia.

Che ancora nel 2018 il suo mito sia saldissimo non è quindi discutibile come non si può certamente “biasimare” chi, per troppo amore, riproponga ancor’oggi le sue immortali canzoni. Se poi a riproporle sono questi validissimi Broadcash non si può che mettere sul piatto questo 10″e goderne appieno senza porsi alcun problema di sorta. In questa loro riscoperta del genio dell’Arkansas i nostri si fanno accompagnare alla voce da un personaggio che nessuno avrebbe mai sognato di veder accostato ad un’etichetta fieramente punk come Area Pirata, Bobby Solo.

Si avete capito bene sto parlando del signor Roberto Satti, quello di Una lacrima sul viso, che alla bella età di 73 anni dimostra non solo di avere ancora una gran voce (sarebbe il meno) ma sopratutto di volersi mettere in gioco e di voler partecipare ad un progetto per il puro gusto di farlo e per dimostrare che la sua interpretazione può non sfigurare neppure al cospetto di un colosso come Cash.

I pezzi proposti sono quattro straclassici della produzione cashiana e, provare per credere come diceva Guido Angeli, reggono egregiamente il confronto con gli originali a ennesima riprova che se si posseggono badilate di competenza e dedizione tutto è possibile. Completa il tutto l’artwork realizzato da Hervé Peroncini e non venitemi a dire che non sapete chi è perché vi do una testata.

Non fatevi scappare questo e vero e proprio oggetto di culto per due motivi:
1) ne vale la pena,
2) Un giorno potrete fieramente esibire agli ospiti di casa vostra un disco uscito per Area Pirata dove cantava Bobby Solo e canzonare chi vi aveva dato del pazzo ignaro che anche i più strani matrimoni possono funzionare e pure alla grande.

ETICHETTA: Area Pirata Records

TRACKLIST
Lato A: Cry, Cry, Cry , I Walk The Line Lato B: Big River, Folsom Prison Blues

LINE-UP
Bobby Solo – Vocals,
Matteo Gioli – Eletric Guitar, Francesco Lazzerini – Doublebass,
Yari Spadoni – Acoustic guitar, Vocals on Folsom Prison Blues,
Lorenzo Controzzi – Drums

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Madhouse – Secret antithesis

Terzo disco per i Madhouse capitanati dalla cantante cantante Federica Tringali e dal chitarrista Filippo Anfossi, il titolo è ” Secret antithesis” ed esce per Nadir Music. La proposta musicale dei Madhouse è un metal moderno e fresco, con rimandi gotici in alcuni passaggi.

Mudhoney, ad aprile il nuovo album. Condiviso il primo singolo

Dopo un silenzio discografico durato quattro anni (escludendo split singles e la ristampa espansa del 2021 per il trentennale di “Every good boy deserves fudge”, infatti, risale al 2019 l’ultima pubblicazione di materiale ufficiale, l’Ep “Morning in America”) tornano i Mudhoney

Still No One -This is fuel

Still No One -This is fuel: esordio discografico sulla lunga distanza per i trevigiani Still No One dal titolo “ This is fuel”, autoprodotto.

Casual Boots – Casual Boots

Casual Boots: a comporre questo ep fresco di uscita ci pensano quattro pezzi: l’agrodolce Flowers and Raindrops, la smithsiana Lost Things, la fiammata punk di Attitude (il mio brano preferito del lotto) e gli echi degli Housemartins  contenuti in Empty Room.