brasstronaut-mean sun

brasstronaut-mean sun 1 - fanzine

brasstronaut-mean sun

Anche per i canadesi Brasstronaut (Bryan Davies, John Walsh, Brennan Saul, Edo Van Breemen, Tariq Hussain, Sam Davidson) è arrivato il momento del secondo disco lungo: se alle spalle c’era già un debutto piuttosto interessante (“Mt. Chimera”) e alcuni ep, di fronte a noi si erge (in tutto il suo splendore) l’alta qualità compositiva e l’ottimo gusto melodico del nuovo “Mean Sun”.

Il disco prende vita a partire dai timidi suoni in lento fiorire di “Bounce” (a indicare la via ci pensa la tromba, seguita da tutti gli altri strumenti) e dal pacato incalzare di “Francisco” (batteria tesa contrapposta a melodie cariche di tranquillità). “Meat Sun” scorre lenta e delicata, ondeggiando morbida tra colpi di cassa e rullante, mentre “Fossil”, intima e notturna, ci accoglie con calore tra le sue note, prima di lasciare spazio all’anima sognante e lievemente malinconica di “Moonwalker”. “Revelstoke Dam” ipnotizza con le sue melodie sinuose, tra tromba e clarinetto, seguita dal soffice svilupparsi di “Hymn For Huxley”. “Falklands”, infine, su ritmi più vivaci e rapidi, costruisce atmosfere lievemente più ambigue e cangianti, abbandonandosi poi all’ammiccante svilupparsi di “Mixtape”.

La formazione canadese, molto abile dal punto di vista compositivo, mette insieme un disco decisamente interessante. Le canzoni proposte, quasi sempre tenui e delicate, si caratterizzano per arrangiamenti curati, melodie accattivanti e atmosfere sognanti. Un disco che riesce a unire in maniera magistrale influenze post rock, raffinatezza jazz, attitudine indie rock e briciole folk; tanto di cappello.

TRACKLIST:
01. Bounce
02. Francisco
03. Mean Sun
04. Fossil
05. The Grove
06. Moonwalker
07. Revelstoke Dam
08. Hymn For Huxley
09. Falklands
10. Mixtape

brasstronaut-mean sun

No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.