iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Bob Rock Radio Vol. 09

Puntata numero 9: attraversata da un filo narrativo comune, piena di bella musica su territori sonori che si allargano e si arricchiscono.

Bob Rock Radio Vol. 09

Puntata numero 9: attraversata da un filo narrativo comune, piena di bella musica su territori sonori che si allargano e si arricchiscono.
Punk, wave, garage, lo-fi, soul, noise: solo culto, no best sellers.
Ospite speciale Antonio Bacciocchi

Tracklist episodio 9
Sigla!
The A-Bones “Bad Boy”
Stiff Little Fingers “Wasted Life”
The Paragons “Abba”
Gray Matter “Retrospect”
Sic Kidz “Interzone”
Dead Kennedys “Kill The Poor”
Guest: Antonio Bacciocchi
Fantastic Negrito: “How Long”
The Gun Club “Brother And Sister”
The Replacements “We’re Coming Out”
Cows “Pussy Is A Monarchy”
Charles Bradley “The World (Is Going Out In Flames)”
Cinetrailer
Brainiac “Nothing Ever Changes”
Hüsker Dü “Standing In The Rain”
Gil Scott-Heron “The Revolution Will Not Be Televised”

Ascoltate le altre puntata di Bob Rock Radio

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Amarok – Resilience

La cifra compositiva degli Amarok è piuttosto personale in quanto, rispetto al più canonico sludge doom, la band californiana non teme di rallentare i ritmi fino a sfiorare un’asfissia scongiurata dal mood atmosferico e melodico che pervade buona parte di un lavoro riuscito come Resilience.

THE BEVIS FROND – FOCUS ON NATURE

Nick Saloman è uno di quei musicisti che, a dispetto delle mode e dell’attualità del contesto storico-musicale (e nel fare ciò, per fortuna, è ancora in buona compagnia: Billy Childish, Graham Day, Robyn Hitchcock, Anton Newcombe, Mike Stax, Robert Pollard…) è sempre andato dritto per

Holy shoes di Luigi Di Capua

Holy shoes di Luigi Di Capua

Holy shoes: pone una domanda interessante che ben si colloca in questa nostra Società dei consumi: cosa cerchiamo di ottenere attraverso gli oggetti?