iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Blackboard Jungle – Silver Drops On Jesus’skull (and More) 1986 – 1989

Rivive in questa ed in altre ristampe la meglio gioventù rock italiana degli anni '80

Blackboard Jungle – Silver Drops On Jesus’skull (and More) 1986 – 1989

Il fatto che questo disco, come molti altri usciti nella seconda metà degli anni ottanta, venga ristampato è la prova incontrovertibile di due mie radicate convinzioni: 1) quello che ascoltavamo da ragazzini non era affatto male 2) molti gruppi italiani potevamo tranquillamente rivaleggiare con quelli provenienti da realtà solo teoricamente più fertili.

Questo cd, edito dalla sempre valida Area Pirata, testimonia la bravura e la freschezza, ancora intatta, dei brindisini Blackboard Jungle. I primi sette brani sono quelli che comparivano sul loro mini lp e da cui deriva il titolo di questa raccolta mentre i dodici pezzi che completano questa pubblicazione sono tratti dal demo che lo anticipava, quelli iniziali sono caratterizzati da una resa sonora molto più elevata ma val la pena dare un ascolto anche ai restanti, anche per seguire la crescita della band. Tra i brani spiccano l’iniziale My Sin con il suo incedere spedito che non nasconde suggestioni garagistiche, la cover di Rain On The Scarecrow dal repertorio di John Cougar Mellencamp ,qui riproposta in versione opportunamente vitaminizzata e, sopratutto, il mio preferito, vale a dire il jingle jangle alla R.E.M. molto robusto di Drug Teenage Dealer. L’esaustivo libretto interno vergato dalla penna di uno dei più noti ed apprezzati giornalisti musicali italiani, Federico Guglielmi, che del disco fu produttore, arricchisce un’opera già di per sé molto interessante. Ascoltare i Blackboard Jungle a così tanti anni di distanza non fa che confermare come nelle cantine della nostra misera patria, da nord a sud, ci fossero una miriade di giovani menti distorte con molte, moltissime cosa da dire.

TRACKLIST
1.My Sin
2.15 Inches Underground
3.Rain On The Scarecrow
4.I’m A Jerk
5.Little Perversion
6.Drug Teenage Dealer
7.Silver
8.This Town Is Not My Town
9.Five Years
10.Litle Perversion
11Spanish Name
12.Southern Skin Coats Revolution
13.Homosexuality Is Not A Crime
14.I’m Boogying This Pogo
15.Big Freak Man
16.Silver
17.You Run Me Not
18.I’m A Believer
19.Rockville 94

LINE-UP
Vincenzo “Miami” Assante – Vocals,Rhythm Guitar
Giacomo “Zorba” Esposito – Bass,Background vocals
Fabio “Creep” Assante – Drums
Nicola “Birdy” Barile – Lead Guitars 1-7
Gabriele Rinelli – Lead Guitar 8-18

BLACKBOARD JUNGLE – Facebook

DESCRIZIONE SEO / RIASSUNTO

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

The Loons - Memories Have Faces

The Loons – Memories Have Faces

Troppa grazia, Sant’Antonio! Eh già! Per un devoto cultore dei suoni sixties oriented, avere la fortuna, nel giro di pochi giorni, di poter parlare di un nuovo singolo e di un nuovo intero album di sua maestà Mike Stax è davvero una benevolenza tanto inaspettata,