Bad Nerves – Bad Nerves

Bad Nerves – Bad Nerves

Uscito nel novembre 2020 su Suburban Records, registrato agli Abbey Road Studios e preceduto dai singoli “Can’t Be Mine“, “Radio Punk” e “Dreaming“, l’album omonimo di debutto dei londinesi Bad Nerves è una travolgente scarica di adrenalinico garage punk che non disdegna, però, uncini melodici e puntatine nel power pop. Questi cinque ragazzi amano esibirsi con giacche di pelle, chitarre grezze, capelli arruffati, occhiali scuri, jeans sdruciti/strappati e spillette. Questo look mi ricorda qualcuno, ed è un’influenza che non può che essere un punto a loro favore (anche se il quintetto si autodefinisce “una jazz band proveniente da Skid Row”) ma durante l’ascolto si avverte anche il fantasma dei compianti Pete Shelley e Jay Reatard a benedire il tutto. Disco che scorre veloce, trascinante e dritto al punto, 12 pezzi per un totale di meno di mezz’ora: sempre sia lodato il rock ‘n’ roll che lascia senza fiato ed esprime tutta la sua essenza in brani di 2, massimo 3 minuti.  Album come questo sono un autentico balsamo per surrogare la voglia di pogo e saziare, in qualche modo, la fame di concerti (fisici) che la pandemia da covid-19 ha inevitabilmente generato. Vaccino sì, vaccino no? Intanto buttate giĂą questo cocktail anfetaminico a base di assalti catchy al calor bianco.

TRACKLIST

1. Can’t Be Mine
2. Mad Mind
3. Baby Drummer
4. Palace
5. Radio Punk
6. Bored Of Babies
7. Electric 88
8. Wasted Days
9. New Shapes
10. Last Beat
11. Terminal Boy
12. Dreaming

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Still No One -This is fuel

Still No One -This is fuel: esordio discografico sulla lunga distanza per i trevigiani Still No One dal titolo “ This is fuel”, autoprodotto.

Casual Boots – Casual Boots

Casual Boots: a comporre questo ep fresco di uscita ci pensano quattro pezzi: l’agrodolce Flowers and Raindrops, la smithsiana Lost Things, la fiammata punk di Attitude (il mio brano preferito del lotto) e gli echi degli Housemartins  contenuti in Empty Room.

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilitĂ , castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati