iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : And Then We Fall – Soul Deserts

Un buon disco, consigliato a chi apprezza le forme di pop più oscure e meno stucchevoli.

And Then We Fall – Soul Deserts

Band portoghese di recente formazione, gli And Then We Fall sono composti prevalentemente da musicisti gravitanti nell’orbita della scena gothic-rock lusitana, per cui sarebbe stato lecito attendersi da questo lavoro d’esordio, intitolato Soul Deserts, qualcosa che non si discostasse più di tanto da tali coordinate.

In effetti, l’opener Ancient Ruins parrebbe confermare tale ipotesi, trattandosi di un brano dall’andamento che riporta a realtà quali Siouxsie And The Banshees, anche per la presenza di una voce femminile come quella di Susana Correia; in realtà l’album, nel suo proseguimento, mostra diverse sfaccettature stilistiche, con il quartetto in grado di districarsi con buona disinvoltura tra sonorità pop, rock, folk e addirittura blues.
Lo stesso ricorso a tre diversi idiomi (oltre alla lingua madre, troviamo brani in spagnolo ed inglese) parrebbe mostrare, anche a livello simbolico, da parte degli And Then We Fall la volontà di non ricalcare il vissuto dei singoli musicisti cercando invece di fornire una veste più moderna ed accattivante alla propria proposta, sfruttando proprio le ottime doti vocali di Susana.
In certi momenti questo loro muoversi in diverse direzioni rischia di far perdere compattezza al disco, che si rivela in ogni caso gradevole, mai noioso e ricco di brani efficaci; il pop raffinato della title-track, il blues di All The Pain Inside e le ariose atmosfere darkeggianti di Run Away sono tra gli esempi più rimarchevoli, anche se il meglio Soul Deserts lo riserva in chiusura con la lunga e bellissima Vultures, nella quale i nostri liberano nuovamente il loro trademark dalle tinte oscure.
Forse non è un caso che il disco si apra e si chiuda con le due delle tracce dagli umori maggiormente intrisi della darkwave ottantiana, quasi a voler delimitare un territorio all’interno del quale gli And The We Fall hanno provato ad inserire, spesso con successo, umori e sensazioni stilisticamente differenti, anche se la caratteristica timbrica delle chitarre e del basso contribuisce a far aleggiare sul tutto un’aura malinconica e decadente.
Un buon disco, consigliato a chi apprezza le forme di pop più oscure e meno stucchevoli.

Tracklist:
1.Ancient Ruins
2.Despertar
3.Run Away
4.Until the Morning Comes
5.Soul Deserts
6.E mais um dia
7.Hope
8.Tu eres mi mal
9.All the Pain Inside
10.Vultures

Line-up :
Susana Correia – Vocals, Percussions
Paulo Tavares – Drums
David Reis – Guitars , Synths, Vocals
Joao Ventura – Bass

AND THEN WE FALL – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Urza/Calliophis – Dawn of a Lifeless Age

Calliophis e Urza uniscono le loro forze proponendo lo split album Dawn of a Lifeless Age, molto interessante oltre che di durata corposa, con ciascun gruppo a proporre due brani inediti di durata superiore ai 10 minuti e, soprattutto, di ottimo livello qualitativo.

Orphean Passage – Apart

La bravura degli Orphean Passage risiede nel fare propria la lezione di chi ha codificato a suo tempo il death doom melodico per poi assemblarne i diversi stili, regalando un album come Apart struggente, melodico e, allo stesso tempo, fresco come si conviene a una band al primo passo discografico

Blazing Eternity – A Certain End of Everything

Un eccellente album come A Certain End of Everything può sorprendere solo chi non conosce i Blazing Eternity a causa del loro lungo silenzio discografico, perché sulle doti intrinseche di questa band non ci sono mai stati soverchi dubbi.

Forever Falling – The Determinism of Essence in Matter

The Determinism of Essence in Matter, nonostante i riferimenti filosofici del titolo siano suggestivi di una certa profondità concettuale, è un lavoro che penetra con un certo agio le difese dell’ascoltatore grazie a un approccio sincero, fluido e privo di artifici al funeral death doom da parte dei Forever Falling.