iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Ance E I Fatti Quotidiani – Tradizione Commerciale

A due anni dall'ep “Professionisti Nel Campo”, Andrea Lovito (Ance) e i suoi Fatti Quotidiani (Daniele Bianconi, Dario Gozzini, Michele Trentacosti, Massimiliano Lami, Federica Amato), ritornano con "Tradizione Commerciale", terzo capitolo della loro trilogia sulle attività produttive (iniziata nel 2008 con “Lavoretto A Catena”).

Ance E I Fatti Quotidiani – Tradizione Commerciale

Il breve lavoro si apre con i cinquanta secondi del comico stornello di Introduzione, seguiti dalla coinvolgente e sinuosa A Pancia Piena (giocata su parole critiche e piacevoli melodie). Tradizione Commerciale, in terza posizione, trascina con le sue invettive contro il consumismo, lasciandosi guidare da organo, basso e chitarre, mentre la breve Il Dittatore, costruita sulle parole di Gianni Rodari, lascia spazio al malinconico arrivederci di Penso Che Ritornerai. Il Tema Dei Fatti Quotidiani, infine, tra pianoforte e flauto, chiude l’opera criticando, ancora una volta la cultura commerciale e consumistica.
I sei brani proposti, proseguono il percorso delineato dai precedenti lavori, confermando quanto di buono già fatto dalla formazione. Se siete amanti del pop/folk che tenta di affrontare tematiche sociali o criticare la società occidentale, avrete pane per i vostri denti.

Tracklist:
01. Introduzione
02. A Pancia Piena
03. Tradizione Commerciale
04. Il Dittatore
05. Penso Che Ritornerai
06. Il Tema Dei Fatti Quotidiani

Line-up:
Andrea Lovito
Daniele Bianconi
Dario Gozzini
Michele Trentacosti
Massimiliano Lami
Federica Amato

ANCE E I FATTI QUOTIDIANI – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Liede – Stare Bravi

L’intero disco, escluso qualche piccolo momento di fiacca, si fa notare per la buona qualità complessiva e per la presenza di almeno un paio di fiori all’occhiello

Phidge – Paris

Un disco per nostalgici, forse, ma di quelli ben fatti e in grado di mantenere una propria personalità

Psiker – Maximo

Con questi dieci brani, Psiker costruisce un ampio e personale tributo all’elettro pop italiano di fine anni ’90