Adirata – Ultime Grida Silenziose Nella Mente

Adirata – Ultime Grida Silenziose Nella Mente

Adirata - Ultime Grida Silenziose Nella Mente: ( AUTOPRODOTTO 2009) Hardcore tirato con voce al femminile, cosa chiedere di più? Il demo degli Adirata è una gradita...

( AUTOPRODOTTO 2009)

Hardcore tirato con voce al femminile, cosa chiedere di più? Il demo degli Adirata è una gradita conferma che ci si può ancora incazzare in maniera costruttiva, facendo musica che si rifà all’hc anni ottanta – novanta italiano, forse il migliore mai fatto nella nostra penisola.

Gli Adirata vengono dal Lazio e sono bravi, mi piace tantissimo la voce di Pam, una ragazza deputata a tirare calci nei coglioni a chi se lo merita, accompagnata da degni compari. L’hc degli Adirata è vario, rimanendo sempre compatto e duro. Molto interessanti i testi, che si rifanno in maniera importante alla tradizione hc italiana. Il demo spero sia un’introduzione al disco prossimo venturo, che se prodotto ancora meglio di questo già buono demo sarà tutto da sentire. Io aspetto fiducioso, e felice che gente più giovane di me si ricordi dei maestri….noi gridiamo la verità, perché suonare è il nostro unico strumento del potere.

www.myspace.com/adirata

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

The HangeeS - Heading Back to the Good Valley

The HangeeS – Heading Back to the Good Valley

Stavo ascoltando i Monks, e a rifletterci mi sorge spontaneo un dubbio: cosa avrebbe pensato se invece dei monaci ci fossero stati sul piatto gli HangeeS con il loro nuovo disco la cui data di pubblicazione è il 2022?

RIBBON STAGE – HIT WITH THE MOST

Avevamo già parlato, l’anno scorso, delle Ribbon Stage, terzetto newyorchese a trazione femminile (“Anni Hilator” al basso e voce e “Jolie M-A” alla chitarra e cori, coadiuvate da Mari Softie alla batteria) autore di un indie/noise pop che profuma deliziosamente di (altri) anni Ottanta, quelli di compilation come “C86”, e che avrebbe fatto la fortuna di etichette come la Sarah Records.