Your Anguish – Heroes And Zeroes

Your Anguish - Heroes And Zeroes 1 - fanzine

Your Anguish – Heroes And Zeroes

Fedeli alla filosofia del DIY , i Your Anguish mostrano una certa disinvoltura nel muoversi in un ambito musicale che di questi tempi è più affollato di una stazione della metropolitana all’ora di punta; senza voler richiedere a tutti i costi immaginifiche innovazioni che, quando va bene, si palesano una volta ogni dieci anni, le ricette per provare a ritagliarsi uno spazio sono semplici da ipotizzare quanto di complessa realizzazione: comporre musica dal grande impatto , capace di coniugare la violenza del death, la ritmica del thrash e possibilmente inserendo un pizzico di componente melodica.
Operazione che alla band piemontese riesce appieno: i brani sono sufficientemente vari, suonati con buona tecnica e mai scontati: tra accelerazioni, appropriati momenti di calma (nelle strumentali Heroes e Zeroes), viene messo in scena un sound moderno ma non plastificato e così, fin dall’opener King Of Reptiles si capisce che questi venticinque minuti saranno vissuti intensamente.
La componente metalcore tutto sommato è presente in misura contenuta e questo consente ai Your Anguish di sfuggire a certi cliché del genere, mantenendo per esempio un cantato in semi-growl molto aggressivo senza dover ricorrere allo scontato controcanto in screaming che troppo spesso accade di sentire.
Non va sottovalutato neppure l’impegno che i ragazzi torinesi hanno profuso anche a livello lirico, strutturando Heroes & Zeroes come un concept incentrato sulla contrapposizione tra gli eroi positivi e gli “zeroes”, sovente idolatrati pur valendo davvero poco o nulla. Al riguardo devo complimentarmi con i Your Anguish per il brano When We Were Heroes, che chiude degnamente il disco ricordando meritoriamente certi eroi che qualcuno vorrebbe relegare per sempre all’oblio cancellandoli dai libri di storia o riscrivendo la stessa in maniera distorta: lascio agli ascoltatori il piacere di scoprire di chi si sta parlando …
Heroes & Zeroes è un’ottima prova da parte di una band dalle notevoli potenzialità e che appare già sufficientemente matura per tentare di fare, in un prossimo futuro, un ulteriore e forse definitivo salto di qualità.

Tracklist :
1. King of Reptiles
2. It Was the Beginning of the Fly
3. Heroes
4. The Darkest Day on Earth
5. Bokanowsky’s Process
6. Zeroes
7. When We Were Heroes

Line-up :
Marco Baroetto – vocals
Marco Vicenza – bass
Francesco Procacci – guitar
Gabriele Ciaravolo – guitar
Giacomo Fontana – drums

YOUR ANGUISH – pagina facebook

Stefano Cavanna
stefano@iyezine.com

Cresciuto per motivi anagrafici a pane e prog, a differenza di molti miei coetanei non passo il tempo a piagnucolare sostenendo "cosa vuoi sentire ora, quello che viene pubblicato ai giorni nostri è tutta spazzatura" ... Invecchiando ho allargato invece i miei orizzonti musicali e oggi sono essenzialmente un appassionato patologico di funeral/death doom, oltre che ascoltatore compulsivo di metal in ogni sua svariata forma, senza per questo disconoscere (ci mancherebbe altro) tutta la grande musica prodotta negli anni '70.

No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.