iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Via Sacra – The Road

Piacevole sorpresa questo "The Road", disco d’esordio dei portoghesi Via Sacra

Via Sacra – The Road

Piacevole sorpresa questo The Road, disco d’esordio dei portoghesi Via Sacra, band della quale abbiamo informazioni ridotte all’osso se non quella che, a giudicare dalle foto promozionali, i cinque musicisti che ne fanno parte non sono certo ragazzini alle prime armi, cosa che si evince facilmente anche dalla qualità e dalla maturità della loro proposta.

Il robusto hard rock dei lusitani si rivela avvincente fin dall’opener Jimmy’s Life (il video del brano è fruibile sulla pagina Facebook della band) e colpisce sia per la grande perizia strumentale che traspare senza indugi tra le note, sia per la prestazione vocale di Lazaro, dal timbro vagamente assimilabile a quello di Blackie Lawless.
The Road consta di dieci brani che non cambieranno la storia del rock ma che consentono di trascorrere tre quarti d’ora piacevoli in compagnia di una band che sa il fatto proprio e che non si limita a scopiazzare donando, al contrario, un’impronta personale ad ogni brano.
Come spesso accade i Via Sacra sono una delle tante, troppe band valide alla ricerca di un’etichetta in grado di supportarne le indiscutibili doti; per ora devono accontentarsi dell’appoggio della Ethereal Sound Works per quanto riguarda la diffusione del cd.
Sarebbe un peccato che questo lavoro restasse circoscritto alla sola realtà portoghese perché la musica contenuta in The Road ha tutte le carte in regola per ricevere consensi anche al di fuori dei confini nazionali.

Tracklist :
1. Jimmy’s Life
2. Lost World
3. Souls of Fire
4. No Lies
5. Black Angel
6. Storm in Your Soul
7. Baby, Baby
8. Secret Garden
9. Never Come Back Home
10. The End of the Road

Line-up :
Lázaro – Guitars, Lead Vocals
Ruizão – Drums
Ricardo – Guitars
Joel – Synths, Vocals
Carlos – Bass, Vocals

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

SolNegre – Annihilation of the Self

Annihilation of the Self è un ep in cui le più nobili fonti di ispirazione dei SolNegre vengono convogliate all’interno di un tessuto musicale costantemente in divenire e privo di smagliature, ruvido e compatto ma, allo stesso tempo, malinconico e melodico come deve essere il migliore death doom.

Abyssal – Glacial

Con Glacial gli Abyssal alzano ulteriormente l’asticella qualitativa perché in questa traccia unica di oltre quaranta minuti dal doloroso incedere si compie l’ideale connubio tra la scarnificazione del sound e il più canonico e pesante susseguirsi dei riff.

Urza/Calliophis – Dawn of a Lifeless Age

Calliophis e Urza uniscono le loro forze proponendo lo split album Dawn of a Lifeless Age, molto interessante oltre che di durata corposa, con ciascun gruppo a proporre due brani inediti di durata superiore ai 10 minuti e, soprattutto, di ottimo livello qualitativo.

Orphean Passage – Apart

La bravura degli Orphean Passage risiede nel fare propria la lezione di chi ha codificato a suo tempo il death doom melodico per poi assemblarne i diversi stili, regalando un album come Apart struggente, melodico e, allo stesso tempo, fresco come si conviene a una band al primo passo discografico