The Statistics – Leave Your Name

The Statistics – Leave Your Name

nuova uscita per la jade tree; gli Statistics di fatto sono Denver Dalley (ex chitarrista dei Desaparecidos) attorniato da un paio di amici (compenenti di “the 1989 chicago cubs” e “the good life”). Atmosfere molto rilassate contraddistinguono questi 11 pezzi. L’iniziale “Sing a song” ci ricorda i vecchi, ma smepre cari Pixies; mentr l’ultima “Circular memories” e’ una lunga ballata strumentale che ci porta lontano senza annoiarci. Puo’ essere considerato un buon mix tra new wave e synth/ guitar pop; alcuni pezzi di riportano a gruppi indie dei primi anni novanta, vedi soprattutto “Mr.Nathan” (anche’essa strumentale). E’ un disco che potrebbe andare bene nelle collage-radio statunitensi; come ad esempio “Hours seemend like days” una bomba pop, di cristallina bellezza.Nel complesso non mi hanno fatto una grandissima impressione, anche se ad essere sincero il cd penso di averlo ascoltato almeno una decina di volte e mi non riesce di toglierlo dal lettore. E penso sia un gran bel complimento…..

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati

Tropical Fuck Storm - Submersive Behaviour_cover

Tropical Fuck Storm – Submersive Behaviour

È qui e richiede attenzione, perché i Tropical Fuck Storm hanno dimostrato più volte di saper far bene, di saper maneggiare il rock (alternativo, indie, noise, quello che volete) meglio di tanti altri – ma direi di quasi tutti.

Luca Ottonelli

Luca Ottonelli. E’ nato a Genova nel 1969 e ho completato i primi studi artistici avendo come maestro di Figura G. Fasce.