The Men – Campfire Songs EP

La transizione avviata con il precedente New Moon, verso un indie rock dalle forti influenze roots rock, folk e country-blues, sembra, a prima vista, aver trovato il suo compimento in Campfire Songs, un EP di cinque pezzi totalmente acustici da suonare davanti al focolare, o davanti al falò in spiaggia nelle notti d’estate. Ma le interpretazioni da critico navigato, in questo caso, lasciano un po’ il tempo che trovano: i cinque pezzi che compongono l’EP sono stati effettivamente registrati davanti ad un falò durante le sessioni di New Moon, e quindi più che di fronte ad immaginifiche transizioni siamo davanti ad un tipico esempio di sano cazzeggio made by The Men.

The Men - Campfire Songs EP 1 - fanzine

Si parte con I Saw Her Face e The Seeds, due brani già presenti in New Moon, due pezzi che già in origine sfoggiavano una forte aura country-rock e che qui vengono riproposti in versione unplugged in bassa fedeltà. Non dispiacciono, certo, ma aggiungono poco o nulla alle versioni originali e qualcosa, in realtà, si perde: I Saw Her Face è sempre un bel pezzo, ma senza le chitarre elettriche e i pericolosi intrecci di riff e feedbacks, i cori e l’accelerazione finale, suona un poco più spenta.
Poco da dire sugli altri tre pezzi: Water Babies ha il fascino di un folk-pop appena abbozzato, una b-side che meriterebbe altro trattamento (ma che forse, con un altro trattamento, suonerebbe troppo come uno scarto di New Moon, e quindi va bene così). Turn Your Color e Patience non sono altro che due piccole jam folk lo-fi, che ci restituiscono l’immagine di una band di amici che sperimenta in libertà davanti al fuoco, senza altro obiettivo se non quello di divertirsi suonando. Ne esce fuori il nulla nella prima, poco di più nella seconda, un pezzo dal feeling gotico che se trattato alla giusta maniera potrebbe dare buoni frutti.
Il fascino di Campfire Songs risiede dunque, in gran parte, nel suo carattere documentale di registrazione folk lo-fi di una indie rock band anomala. Let’s be honest: ne avevamo davvero bisogno?

Tracklist:
1. I Saw Her Face
2. The Seeds
3. Water Babies
4. Turn Your Colour
5. Patience

Line-up:
Nick Chiericozzi – chitarra, voce
Mark Perro – chitarra, voce
Ben Greenberg – basso, voce
Rich Samis – batteria
Kevin Faulkner – lap steel, basso

THE MEN – blog

www.sacredbonesrecords.com

Avatar

Autore: kaosleo

Dietro kaosleo si nasconde (neanche tanto bene) Leonardo Annulli, un animale di razza umana uscito fuori dalle viscere stanche e alcooliche della provincia viterbese. Sono appassionato di musica fin dall'adolescenza (colpa - o merito - dei Nirvana) e collezionista compulsivo di materiale musicale (adoro toccare la musica, soprattutto in vinile - gli mp3 mi stancano!). Collaboro con In Your Eyes dal dicembre 2011 e curo Loud Notes, il mio blog personale. Vado pazzo per punk '77, garage rock/punk, alternative rock, grunge, psychedelic rock e hard rock. In generale, adoro le cose rumorose, la pulizia mi dà sui nervi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.