The Classmates – The Classmates

The Classmates – The Classmates

In Italia, si sa, siamo esterofili.
Pensiamo da sempre che i gruppi stranieri abbiano una marcia in più, per non dire delle etichette che all’estero, non c’è niente da fare, lavorano meglio e hanno più idee.

Poi però scopriamo che, senza andare troppo lontano, a Pisa ci sono due ragazzi che da anni portano avanti un loro marchio, quello di Area Pirata, che negli anni ha rimestato a piene mani nel sottofondo del rock’n’roll italico pescando le migliori realtà esistenti e producendo molti fra i migliori album di genere usciti in questi anni.
E scopriamo anche che un terzetto bolognese, al suo esordio assoluto, riesce a produrre un gran bell’album ricco di sixties-sound,punk ’76/’77 e power-pop energico ed elettrizzante.
Questo gruppo risponde al nome di The Classmates ed il loro disco omonimo sprizza energia da tutti i pori; è composto da 11 pezzi tutti ben al di sopra della media e accompagna l’ascoltatore in un mondo semplice quanto fantastico.
Ora mi e vi chiedo: escono davvero tanti dischi migliori di questo negli Stati Uniti, in Inghilterra, in Australia, in Scandinavia o in qualsiasi altra parte del mondo?
Per me che l’ho ascoltato la risposta è senza dubbio no, per voi che, mi auguro, vi accingete a farlo, sono pronto a scommettere che sarà molto simile alla mia.

Tracklist:
1. This Society
2. Cheatin’ Soul
3. Direction
4. When Sun Sets Down
5. Your Time Is Gone
6. Awake In My Bed
7. Mario
8. Bad Man
9. Black Heart
10. I’ll Do My Best
11. Little Piece Of World

THE CLASSMATES – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati

Tropical Fuck Storm - Submersive Behaviour_cover

Tropical Fuck Storm – Submersive Behaviour

È qui e richiede attenzione, perché i Tropical Fuck Storm hanno dimostrato più volte di saper far bene, di saper maneggiare il rock (alternativo, indie, noise, quello che volete) meglio di tanti altri – ma direi di quasi tutti.

Luca Ottonelli

Luca Ottonelli. E’ nato a Genova nel 1969 e ho completato i primi studi artistici avendo come maestro di Figura G. Fasce.