The Chanfrughen – Musiche Da Inseguimento

The Chanfrughen – Musiche Da Inseguimento

Se nell'insieme ci si attesta sulla sufficienza (in fin dei conti il disco è registrato bene), c'è assolutamente bisogno di lavorare intensamente sui contenuti e sul metodo di scrittura dei pezzi.

I liguri The Chanfrughen, dopo aver pubblicato un ep autoprodotto sul finire del 2012, ritornano, accasati sotto Hive Records, con i dieci pezzi di Musiche Da Inseguimento. Il lavoro, smussando le spigolosità di quanto fatto prima, si muove su sonorità rock’n’roll/blues/funk/psichedeliche.

La Testa Di Gorbaciov, intrecciando chitarre e batteria, incalza con la sua energia, aprendo al veloce e tirato scorrere di Vedo Poca Lucidità e ai virtuosismi (non poi così richiesti) de Il Dromedario.
La Gladio Spia E Il Commissario Rizzo Scopre L’Inghippo, nonostante citi i poliziotteschi nel titolo, non ha niente a che vedere con i Calibro 35, adagiandosi, invece, su morbide atmosfere dalle tinte psichedeliche (in crescita nella seconda parte), mentre gli stop’n’go e lo scat di Lucio (in omaggio a Lucio Dalla), lasciano spazio alle chitarre leggermente più corpose di Ero Un Dito e allo spirito punk/blues di Non C’è Limite Al Peggio. Il disco, infine, si chiude sulle note del faticoso procedere di Primo Premio Un Prosciutto, sul sound del più sgranato muoversi di Osvaldo Paniccia e sugli orientalismi della conclusiva Prego, I Documenti.

I The Chanfrughen mettono a posto i problemi di registrazione che caratterizzavano il precedente ep, ma trascurano completamente tutto il resto. I dieci pezzi di questo Musiche Da Inseguimento, infatti, per esempio, non fanno pensare ad un inseguimento neanche per un secondo. A mio parere la causa è da ritrovarsi nel fatto che durante tutta la durata del lavoro si rimane invischiati in un mare di chitarre (ben suonate, ma prive di una direzione precisa) e in una pioggia di testi che di interessante hanno ben poco. L’unica cosa che mi sento di dire è che, se nell’insieme ci si attesta sulla sufficienza (in fin dei conti il disco è registrato bene), c’è assolutamente bisogno di lavorare intensamente sui contenuti e sul metodo di scrittura dei pezzi.

Tracklist:
01. La Testa Di Gorbaciov
02. Vedo Poca Lucidità
03. Il Dromedario
04. La Gladio Spia E Il Commissario Rizzo Scopre L’Inghippo
05. Lucio
06. Ero Un Dito
07. Non C’è Limite Al Peggio
08. Primo Premio Un Prosciutto
09. Osvaldo Paniccia
10. Prego, I Documenti

THE CHANFRUGHEN – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

The Cogs – White Boy, White Girl

The Cogs – White Boy, White Girl: son dischi come questo che mi fanno ancora credere che qualcosa si può fare, che non tutto è finito: finché in giro ci saranno persone come i Cogs non ci si può sentire soli, isolati, incompresi; è davvero impossibile.

Intolerant - Zero Point - Extreme Chaos Records\Despise The Humans-2022

Intolerant – Zero Point

Intolerant Zero Point: Il risultato è un disco di una potenza e di una nera bellezza incredibile, una guerra combattuta schiacciando ossa e vite con macchine gigantesche guidate da negromanti che mangiano lsd e respirano fumi radioattivi.

“Non c’è ritorno” di Jim Shepard, edito da 66THAND2ND

Non c’è ritorno di Jim Shepard

Nell’introduzione a questi racconti, ha scritto: “Imparare a perdere una partita, dopotutto, non è un modo sbagliato per iniziare a imparare come perdere qualcosa di più grave. Non c’è ritorno di Jim Shepard

Brian Jonestown Massacre, nel 2023 il nuovo album: ecco i dettagli

Anton Newcombe ha annunciato di avere in programma un nuovo album per la sua creatura neopsichedelica Brian Jonestown Massacre. Il long playing si intitola “The future is your past” e vedrà la luce il 10 febbraio del prossimo anno su A Recordings, etichetta fondata dallo