Path – Small Town Boy

Path – Small Town Boy

Path - Small Town BoyQuando lo intervistammo un anno fa, Path aveva da poco pubblicato il suo terzo LP, “Cinema”, e riflettendo sul suo lavoro e sulla sua arte, ci disse: “Cantautore dovrebbe essere la traduzione di songwriter, ma la figura dell’autore folk è incastrata inesorabilmente nel passato, quella dei nuovi cantautori alla moda non mi permette di sentirmene parte.

Sono un uomo che scrive, qualsiasi cosa, su qualsiasi supporto. Una volta scrivevo sulla carta del cemento, oggi sul MacBook. Adesso scrivo le canzoni, domani vai a capire che succede.”

Il nuovo EP “Small Town Boy” è un altro capitolo della narrazione che Path fa del mondo attorno a lui, inquadrato dai suoi occhi. Periferia di Roma, adolescenza inquieta, genitori ligi al proprio semplice dovere di casa-e-famiglia, il bar del quartiere, un circolo del fu-PCI frequentato solo da anziani, voglia di evasione, qualche canna, impegno politico più incosciente che intellettuale, un treno che parte e porta lontano ma che, quando parte, lascia a terra chi resta. Questa l’ambientazione e l’orizzonte.

Il disco è, inoltre, corredato da un bellissimo booklet di 40 pagine, nel quale il racconto delle quattro tracce musicali si srotola e si compie in una prosa sciolta, asciutta, John-Fantiana.

Musicalmente Path ha ormai trovato la sua via nel folk rock e in uno stile personale e riconoscibile, pur nel tributo che, anche inconsciamente, qualunque artista rende ai propri ascendenti, Billy Bragg e Paul Weller su tutti, ma anche il Venditti degli esordi che filtrava Elton John tramite la provincia italiana.

Dai tempi di quell’intervista con cui abbiamo aperto, Path ha continuato a camminare e percorrere chilometri su e giù per l’Italia, osservando storie e persone, prendendo appunti e rielaborandoli in versi per raccontare e da essi farsi raccontare.

Nel cantautorato italiano contemporaneo una delle migliori e più sincere voci: “violenta e tenera se vuoi”, scusandomi per il citazionismo.

Track List
01) Cinque minuti di rivoluzione
02) Il buio oltre la ferrovia
03) Confondo le mie impronte nella neve
04) Gli indifferenti

Etichetta Label:T.A.C. Records

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati

Tropical Fuck Storm - Submersive Behaviour_cover

Tropical Fuck Storm – Submersive Behaviour

È qui e richiede attenzione, perché i Tropical Fuck Storm hanno dimostrato più volte di saper far bene, di saper maneggiare il rock (alternativo, indie, noise, quello che volete) meglio di tanti altri – ma direi di quasi tutti.

Luca Ottonelli

Luca Ottonelli. E’ nato a Genova nel 1969 e ho completato i primi studi artistici avendo come maestro di Figura G. Fasce.