iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Paolo Maggioni E Sara Zambotti – Mio Cuggino

Di libri sulle leggende metropolitane ne sono usciti tanti nel corso degli anni, uno dei più notevoli è sicuramente quello di Danilo Arona, il vate horror alessandrino, ma questo è forse il migliore.

Paolo Maggioni E Sara Zambotti – Mio Cuggino

Scritto, ma più che altro assemblato da Paolo Maggioni e Sara Zambotti, con l’aiuto più che gradito di tal Enrico Brizzi, il libro si legge tutto d’un fiato e ti fa ragionare.
Queste sono le nostre leggende urbane, le chiacchiere da bar che però ti rimangono più impresse delle notizie importanti, poiché sfruttano le modalità di comunicazione della nostra vita. Analizzare i boatos è un esercizio utilissimo per capire come ragiona l’uomo, e specialmente l’uomo metropolitano. Analizzando le leggende metropolitane si possono vedere quali sono le paure collettive, gli argomenti caldi di quel momento e le cose che piacciono alla gente.
Mio Cuggino – Il Fascino Senza Tempo delle Leggende Metropolitane guida la scoperta di queste storie, attentamente cercate e divise per argomenti. Qui dentro c’è tutta l’Italia, le nostre nevrosi, la paura del diverso e tanto altro. Più che un libro sensazionalistico questo è un trattato di sociologia dal basso, molto ben scritto ed originale.
Il materiale è molto ed in continua espansione, immondo blob che spinge le porte dei bar di periferia, schiaccia la gente alle fermate degli autobus, passa per i bagni delle scuole.
Un libro da leggere per capirci meglio, e non è uno bello spettacolo.

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Abyssal – Glacial

Con Glacial gli Abyssal alzano ulteriormente l’asticella qualitativa perché in questa traccia unica di oltre quaranta minuti dal doloroso incedere si compie l’ideale connubio tra la scarnificazione del sound e il più canonico e pesante susseguirsi dei riff.

Sumac – The healer

Sumac: una delle più particolari e meravigliose esperienze sonore che possiate compiere in questi tempi aridi.