iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Paolo Ciafardone – L’una Tra I Soli

Leggendo Ombra ingombra, il primo racconto della raccolta L’una tra i soli di Paolo Ciafardone, ho pensato: “Ecco, ci risiamo, un altro libretto da poco.” Però ho continuato a leggere. Dal racconto tra notte e mattino sono passato al successivo, quello mattutino, e poi al racconto di primo pomeriggio, e così via sino al conclusivo racconto notturno L’una tra i soli. Alla fine mi sono detto: “Ecco, finalmente ci siamo, qualcosa che vale la pena leggere.”

Paolo Ciafardone – L’una Tra I Soli

L’una tra i soli è un libriccino composto da sette racconti brevi, che insieme costituiscono verosimilmente un quadro della giornata tipo di uno stesso protagonista. Lo scenario è un poco claustrofobico ma mai angosciante: tutto, nell’appartamento del protagonista, possiede un suo perché, una sua promessa di confortevole solidità.
Ogni oggetto ha un valore; sia per il protagonista, immerso in un mondo che necessita di cose superflue, sia, soprattutto, per lo scrittore, che prova un gusto quasi feticistico nel nominare ogni oggetto che finisce nell’inquadratura. L’oggetto esiste perché occupa uno spazio e perché possiede un nome. Questa filosofia del linguaggio mi ha ricordato da una parte Gadda e il suo grasso mondo di parole, dall’altra alcuni autori decadenti innamorati delle cose (qualcuno ha detto Huysmans?). Ma quella di Ciafardone è una scrittura che né scade in un inutile autocompiacimento né si riduce a un mero gioco d’elencazione; è una scrittura pacata che scorre lenta come le giornate del protagonista.
Dall’appartamento si passa al supermercato, ma non cambia nulla: l’uomo, invece che interagire con le persone, si lascia trascinare dai ricordi e dal confronto-scontro tra i sensi; la conclusiva passeggiata notturna ribadisce ulteriormente questo ripiegamento in sé stesso.
Il desiderio di un contatto umano non è sparito del tutto, ma è appunto un desiderio, un’ombra. La compagnia si cerca nelle chat-room perché nel mondo digitale l’uomo non ha più valore degli oggetti che lo circondano.
Tutto bello, a parte il promovideo del libro su Youtube: ma lo si perdona.

Blog del libro

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Amarok – Resilience

La cifra compositiva degli Amarok è piuttosto personale in quanto, rispetto al più canonico sludge doom, la band californiana non teme di rallentare i ritmi fino a sfiorare un’asfissia scongiurata dal mood atmosferico e melodico che pervade buona parte di un lavoro riuscito come Resilience.

THE BEVIS FROND – FOCUS ON NATURE

Nick Saloman è uno di quei musicisti che, a dispetto delle mode e dell’attualità del contesto storico-musicale (e nel fare ciò, per fortuna, è ancora in buona compagnia: Billy Childish, Graham Day, Robyn Hitchcock, Anton Newcombe, Mike Stax, Robert Pollard…) è sempre andato dritto per

Holy shoes di Luigi Di Capua

Holy shoes di Luigi Di Capua

Holy shoes: pone una domanda interessante che ben si colloca in questa nostra Società dei consumi: cosa cerchiamo di ottenere attraverso gli oggetti?