iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Mooth – Slow Sun

I Mooth (Cosimo Cinieri, Claudio Bigio, Andrea Rotilio, Gabriele Calvi), messo da parte il passato come Koan, debuttano sulla lunga distanza con gli otto brani del cupo e graffiante Slow Sun. Il disco, uscito per Martinè Records, si dimostra essere un riuscito intreccio fra sonorità stoner, sludge e hardcore.

Mooth – Slow Sun

A dar il via alle danze è il tagliente e asciutto gridare di Debra DeSanto Was A Heartbreaker che, frammentato da frequenti stop’n’go, apre al fulminante sound tellurico di Mdma e alla forza pachidermica di Skeletons.
Bloodrop, in quarta posizione, tra richiami ai primi Tool e un’ostinata voglia di prenderci a schiaffi, lascia spazio ai complicati dialoghi fra chitarra, voce e batteria di Red Carpet On The Hillside e ai due volti della sanguinaria Viscera.
Black Host, infine, pur partendo veloce, finisce su tempi lenti, tenendo incollati con il suo procedere cadenzato e le sue urla infernali, mentre Fletcher McGee, dilaniando le nostre membra, chiude torturandoci fino all’ultimo secondo.

Il debutto dei Mooth travolge e rade al suolo tutto, lasciando l’ascoltatore inerme di fronte a un mondo scuro e spigoloso, fatto di ruggine e zolfo, tempi lenti, stop’n’go, urla e chitarre abrasive. Di fronte alla forza di questo riuscito incrocio c’è solo una cosa da fare: alzare lo stereo al massimo e lasciare che Slow Sun disintegri la vostra quiete.

Tracklist:
01. Debra DeSanto Was A Heartbreaker
02. Mdma
03. Skeletons
04. Bloodrop
05. Red Carpet On The Hillside
06. Viscera
07. Black Host
08. Fletcher McGee

Line-up:Cosimo Cinieri
Claudio Bigio
Andrea Rotilio
Gabriele Calvi

MOOTH – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Liede – Stare Bravi

L’intero disco, escluso qualche piccolo momento di fiacca, si fa notare per la buona qualità complessiva e per la presenza di almeno un paio di fiori all’occhiello

Phidge – Paris

Un disco per nostalgici, forse, ma di quelli ben fatti e in grado di mantenere una propria personalità

Psiker – Maximo

Con questi dieci brani, Psiker costruisce un ampio e personale tributo all’elettro pop italiano di fine anni ’90