Montana – Necessità

Montana – Necessità

I Montana si riallacciano alla nostra storia, partigiani in una guerra civile giocata sul campo del buon senso, dell’essere umani in un mondo sempre meno umano, empatico, emotivo.

Se molti di quelli che si son riempiti, e continuano imperterriti e privi di vergogna a riempirsi la bocca, con la parola Libertà, in questi anni segnati dal dolore, dalla malattia e dall’incertezza, sapessero il vero significato di questa parola, questa poesia sospesa tra autodisciplina, rinuncia, cura, imposizione di limiti personali per abbattere i limiti di tutte e tutti, molto probabilmente si accorgerebbero di quanto questa parola sacra possa rappresentare per loro più una minaccia che una terra promessa.

Una minaccia come >questo disco.

Una minaccia proprio perché, forse senza volerlo, dona una definizione e una giusta misura di tutto quello che è la libertà:

con sotto una costante ritmica rock n’ roll da assalto all’arma bianca, una voce che riesce, nelle suo tono neutro, a incarnare e reinterpretare trent’anni di underground estremo italico, e una chitarra dalle forti radici hardcore punk ma dalle aperture ad altri mondi (da notare le digressioni Noise nell’iniziale Allerta che, nella sua brevità, pare il manifesto dell’intero disco), i Montana hanno una rigida misura d’insieme, un’autodisciplina ferrea nella composizione, ma da queste caratteristiche fondanti si aprono ad una rilettura dei vari stili che hanno contraddistinto il genere nei decenni…

quindi una solida base fatta d’ideale (la ritmica Rock’n’Roll) e una propensione verso altre forme, slanci e sostanze ma sempre e comunque con un senso della misura per non sforare, non cadere nella presunzione, non apparire per quello che non si è.

I Montana sono un gruppo che riesce a variare la proposta, da canzone a canzone, ma l’impressione che lasciano è sempre quella di sapersi gestire anche nei loro slanci: una forma di rispetto e di onestà intellettuale nei confronti di chi ascolta.

Quindi autodisciplina che si fa arte, arte che esprime libertà creativa nelle forme, e libertà che, da forma d’arte, si fa pratica nel quotidiano: fare di vita arte perché, da arte, si torni alla vita, quella vera.

Questo disco che è una minaccia.

Questa voce che affoga, soffoca, annaspa, sopra una base che profuma di storia, di resistenza, di provincia come metodo di vita e mai come limite, nel tentativo di esprimere l’inesprimibile:

tutto quello che ci è più caro e che, ogni giorno cercano di portarci via: ogni piccolo spazio vivibile, ospitale, a misura d’essere umano.

I Montana si riallacciano alla nostra storia, partigiani in una guerra civile giocata sul campo del buon senso, dell’essere umani in un mondo sempre meno umano, empatico, emotivo.

Ascolto questo disco, così ruvido, così dolce, capace di racchiudere in sé la furia, l’urgenza, l’efferatezza, come anche la dolcezza, l’attimo di quiete (l’attacco di pianoforte in Scienza, giusto per fare un esempio e sottolineare la versatilità del gruppo che, da questo, riesce a passare ad un mood e a dei fraseggi alla Rikk Agnew periodo Adolescents e D.I.) prima di ogni sfida quotidiana, e mi dissolvo in questa pratica di condivisione chiamata musica:

nessuna ricerca di notorietà, nessun bisogno di farcela, solo necessità di comunicare; andare oltre i confini, le restrizioni, le abitudini dettate da un tempo non più nostro e semplicemente recepire, sentire un divenire comune, una volontà che viene dal basso e spinge verso l’alto, dove l’alto non è una sfera sociale, uno squallido traguardo, ma la possibilità di essere capiti, raggiungere altri come noi: creare comunità.

Ascolto questo disco e mi riconosco, come se fosse uno specchio, nei suoi momenti più fragili (Scienza, Decompressione, la meravigliosa Perimetro, ma fragili solo perché contraddistinte da armonie più malinconiche: sotto, batteria e basso, continuano a pestare senza tregua) come in quelli più feroci (Offendicula, Ribalta, la cupissima Tonsille)

Hardcore italico, senza mai cedere il fianco al Metal per fingersi più cattivi, senza mai prodursi in urla, per fingersi più arrabbiati:

i Montana si mostrano per quello che sono, sono stati e sempre saranno, senza filtro né ostentazione:

provincia, resistenza, convinzione, fragilità, umanità, sentimento. Non c’è bisogno di altro in fin dei conti…

Questo disco uscirà il 17 Dicembre in digitale.
Per il supporto fisico, per la solita questione delle fabbriche che stampano vinile, non c’è ancora una data precisa.

Quindi, per il momento, vi lascio solo questo link (è il Bandcamp dei Montana, seguiteli con amorevole supporto…se lo meritano) dove potete ascoltare in anteprima Allerta, il pezzo che da il via all’intero disco:

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

RIBBON STAGE – HIT WITH THE MOST

Avevamo già parlato, l’anno scorso, delle Ribbon Stage, terzetto newyorchese a trazione femminile (“Anni Hilator” al basso e voce e “Jolie M-A” alla chitarra e cori, coadiuvate da Mari Softie alla batteria) autore di un indie/noise pop che profuma deliziosamente di (altri) anni Ottanta, quelli di compilation come “C86”, e che avrebbe fatto la fortuna di etichette come la Sarah Records.

Tempo di vivere, tempo di morire di Erich Maria Remarque, edito da Mondadori

Tempo di vivere, tempo di morire di Erich Maria Remarque

Il soldato Graeber, protagonista di questo romanzo, per certi aspetti ricorda i protagonisti di Niente di nuovo sul fronte occidentale con i quali ha in comune la coscienza dell’orrore della guerra; vive la sua disperata avventura nella tragica desolazione delle pianure russe dov’è stato gettato a combattere, e tra le macerie della Germania nazista.

GIALLO #3 E BUDDIES #1

GIALLO #3 E BUDDIES #1

Qualche giorno fa arriva un pacco bel fornito  dalla Leviatan Labs. Conteneva il terzo capitolo di Giallo il primo capitolo di Buddies..