Lullaby Road Di James Anderson

Lullaby Road Di James Anderson

Lullaby Road Di James Anderson 1 - fanzineJames Anderson è uno scrittore e poeta americano nato a Seattle, è il suo secondo libro pubblicato in Italia dopo “Il diner nel deserto”.

Il romanzo è fortemente oscuro e crudo, l’animo umano viene scandagliato senza trovare nessuna possibilità di redenzione dalla nostra disperazione.

Come vi sembra come incipit?

Per ben 3/4 il libro è fottutamente così, siamo una razza in via di estinzione.

“Nella mia esperienza quando un uomo cominciava a sprofondare, ….. spesso agguantava il primo salvagente disponibile, e in troppi scambiavano la pistola per un salvagente. … Per me era uno strumento, ma se non eri uno sbrirro o un soldato, portarsi dietro una pistola tutto il giorno era come tenere una chiave inglese in tasca nel caso da qualche parte si allentasse un dado. E andando in giro con quella chiave inglese potevi iniziare a pensare che tutti avessero i dadi allentati tranne te”

Una piccola cittadina nel deserto dello Utah, dove nullafacenti, benzinai sono tutti armati per difendersi da u nemico che non arriverà mai. Make America Great Again.

“Come spesso accade con le tragedie, finì per interessare solo chi ne portava le cicatrici. Come Walt, piano piano smettemmo di reagire, eccetto forse nei nostri sogni”

Lullaby Road ha molti colpi di scena, alcuni dei quali hanno un senso e alcuni che confondono. Ben è abituato ad incontrare persone che sono venute a vivere nel deserto perché non sono interessate all’interazione sociale e sono in fuga da qualcosa (da se’ ?).

La famosa letteratura che racconta la frontiera, geografica ma soprattutto non-geografica, tra l’ io e il noi.

Ci sono troppe cose da amare in questo libro: il protagonista, la trama e l’ambientazione sono tutti elementi che fanno piacere ad un avido lettore, come noi.

Senza fare nessuno spoiler  sono un’ azione/opera collettiva potrà forse salvarci e risvegliarci, redenzione vuol dire senso di appartenenza ad una comunità. Da soli siamo grigi nell’ oscurità che ci stringe.

Consiglio vivamente di leggere il primo libro di Anderson prima di questo. Ma questo è un sequel veramente degno. Non sono sicuro che sia in arrivo un altro libro, ma ora spero che ci sia.

 

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Mudhoney, ad aprile il nuovo album. Condiviso il primo singolo

Dopo un silenzio discografico durato quattro anni (escludendo split singles e la ristampa espansa del 2021 per il trentennale di “Every good boy deserves fudge”, infatti, risale al 2019 l’ultima pubblicazione di materiale ufficiale, l’Ep “Morning in America”) tornano i Mudhoney

Still No One -This is fuel

Still No One -This is fuel: esordio discografico sulla lunga distanza per i trevigiani Still No One dal titolo “ This is fuel”, autoprodotto.

Casual Boots – Casual Boots

Casual Boots: a comporre questo ep fresco di uscita ci pensano quattro pezzi: l’agrodolce Flowers and Raindrops, la smithsiana Lost Things, la fiammata punk di Attitude (il mio brano preferito del lotto) e gli echi degli Housemartins  contenuti in Empty Room.

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.